menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Ospedale

Ospedale

Morso da una vipera a Ostuni: da Foggia il siero che lo salva

Ricoverato al Perrino di Brindisi dove però non avevano il siero antivipera. L'antidoto è arrivato dall'ospedale di Foggia dove la polizia stradale lo ha prelevato. Salvato in tempo

Quando sarà grande ringrazierà Foggia e il suo ospedale che lo ha salvato. Un bambino di sette anni, di origini baresi, è stato morso al braccio da una vipera mentre passeggiava per le campagne di Ostuni dove si trovava in vacanza con la famiglia. Il piccolo è stato trasferito d'urgenza all'ospedale Perrino di Brindisi, dove però non c'era siero antiofidico. Per rintracciare quello che viene comunemente chiamato siero antivipera, sono state interpellate le forze dell'ordine, che hanno battuto tutti gli ospedali della zona per reperire l'antidoto.

L'ospedale più vicino dotato del farmaco è risultato essere quello di Foggia, dove una pattuglia della polizia stradale lo ha prelevato e portato fino a Brindisi. A quanto pare il bimbo, che compirà otto anni a breve, è stato salvato appena in tempo. L'altro ospedale pugliese dotato del siero utile a scongiurare gli effetti venefici del morso del rettile, secondo le ricerche degli agenti di polizia, è quello di Barletta, ma quando il secondo ospedale è stato rintracciato, pur essendo molto più vicino a Brindisi rispetto a Foggia, i soccorsi erano già a destinazione. Il bimbo, che ha accusato un fortissimo dolore al braccio, è tuttora ricoverato al Perrino. Il referto dei medici è confortante, non corre pericolo di vita.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Alimentazione

Proprietà e benefici delle fave

Attualità

O la si salva o la si uccide

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento