Scontri tra tifosi: dieci minuti di follia, è caccia agli autori dei violenti tafferugli (poliziotto dimesso dall'ospedale)

Ferito un poliziotto, portato in ospedale e poi dimesso. Dieci minuti di follia nel parcheggio dello stadio Fanuzzi tra i tifosi del Brindisi e quelli del Foggia

Il dopo partita tra Brindisi e Foggia

Come riporta BrindisiReport in un articolo di Gianluca Greco, da ieri sera centinaia di fotogrammi vengono passati al setaccio e decine di video analizzati al “microscopio”. I poliziotti della Digos del posto lavorano a ritmo serrato per dare un volto e un nome ai responsabili dei violenti tafferugli verificatisi al termine della partita Brindisi-Foggia, valevole per il turno preliminare della Coppa Italia Dilettanti e vinta dai rossoneri all'ultimo secondo

Le immagini video dei tafferugli

Al momento il bilancio degli scontri è di un ferito. Si tratta di un poliziotto in servizio presso la questura di Brindisi che ha riportato un trauma acustico a seguito dello scoppio di una bomba carta. L'agente è stato dimesso di notte dall'ospedale Perrino, con prognosi di dieci giorni. Non si esclude che anche alcuni tifosi possano aver riportato delle ferite, anche se nessuno si è recato presso gli ospedali del territorio per farsi medicare. 

La polizia sta ricostruendo in queste ore la dinamica dei fatti. I video circolati sui social network, ad ogni modo, forniscono un quadro abbastanza chiaro dell’accaduto. Un nutrito gruppo di ultras del Brindisi, intorno alle 22, qualche minuto dopo il fischio finale si è diretto verso il parcheggio, adiacente alla tribuna centrale. Contestualmente gran parte dei circa 200 foggiani presenti nel settore ospiti, una volta lasciato il settore ospiti (curva Nord), si è diretta verso il parcheggio, abbattendo una parte della recinzione perimetrale. Le opposte fazioni si sono fronteggiate con lanci di bombe carta, pietre e fumogeni, provocando l'incendio di cumuli di aghi di pino. 

I poliziotti e i carabinieri, in assetto anti sommossa, a quanto pare sono riusciti a evitare il contatto fisico, lanciando dei lacrimogeni. A fatica i foggiani sono stati indirizzati verso i propri mezzi e scortati dalle forze dell’ordine si sono allontanati dallo stadio, imbocccando la superstrada per Bari. E’ durato tutto una decina di minuti. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sangue nel cuore della movida, colpita con i vetri di una bottiglia e sfregiata a vita: arrestata ragazza di 20 anni

  • Grave episodio in zona via Lucera: auto imbrattata con frasi, disegni volgari e sigle contro la polizia

  • Attimi di terrore in un supermercato: irrompono malviventi, durante la rapina minacciano e tentano di colpire cassiera

  • Coronavirus: oggi 32 morti in Puglia e 397 nuovi casi in provincia di Foggia

  • Spaventoso incidente in via Castiglione: ragazza abbatte tubo del gas e si schianta contro una farmacia agricola

  • Addio al dott. Michele Urbano, la Capitanata piange la scomparsa di un professionista "serio e laborioso"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento