Bonifica ex Enichem, Ministero alla Syndial: "Rimuovere e smaltire i rifiuti"

Dopo l'incontro con Angelo Riccardi, Andrea Orlando ha chiesto alla Syndial la rimozione e lo smaltimento dei rifiuti presenti nella discarica "ex pista Vigili del Fuoco"

Ex Enichem

Ha fatto breccia nella considerazione del Ministero competente la questione relativa alla bonifica dell’ex sito Enichem, portata all’attenzione del Ministro, Andrea Orlando, dal Sindaco di Manfredonia, Angelo Riccardi. I due, dopo l’appuntamento saltato a Manfredonia qualche settimana fa, hanno avuto modo di vedersi e confrontarsi a lungo e con estrema attenzione su una questione che continua ad essere un chiodo fisso per il primo cittadino manfredoniano: fare chiarezza su ciò che è stato compiuto sin qui e dare risposte valide ai numerosi interrogativi sorti successivamente alla bonifica effettuata.

Il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare si è attivato celermente dopo l’incontro tra Orlando e Riccardi ed ha inviato una comunicazione alla Syndial, titolare dello stabilimento di cui sopra, e per conoscenza ad una serie di soggetti istituzionali quali la Regione Puglia, la Provincia di Foggia, il Comune di Monte Sant’Angelo, il Comune di Manfredonia, l’ARPA Puglia.

Nella missiva viene fatto riferimento diretto alla segnalazione portata all’attenzione del Ministro Orlando, nella quale il Sindaco Riccardi chiede di attuare con urgenza gli interventi necessari per il risanamento ambientale della discarica “ex pista Vigili del Fuoco” (o discarica Marchesi, dal nome del dirigente che pare ne curò il riempimento) ubicata nell’Isola16. Una discarica che il Sindaco ha indicato come abusiva e che, per giunta, determina gravi rischi di contaminazione.

Il Ministro dell’Ambiente Orlando ha così invitato la Syndial “a procedere alla rimozione e smaltimento di tutti i rifiuti stoccali nella cosiddetta discarica ai fini del ripristino dello stato dei luoghi e contestualmente per procedere alla immediata attuazione di tutte le misure di prevenzione necessarie per evitare comunque la diffusione dei contaminanti”.

Per giunta la Regione Puglia, ancora su preciso e diretto invito del Ministero, dovrà valutare anche l’applicazione del tributo per lo smaltimento dei rifiuti, unitamente alla connessa sanzione, se sarà confermata la natura abusiva della discarica “ex pista Vigili del Fuoco”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In sostanza la tenacia di Riccardi sta ottenendo la dovuta ed elevata considerazione da parte del Governo. All’Amministrazione manfredoniana competono i compiti di salvaguardia della salute dei cittadini, con rispetto per la territorialità altrui ma anche con profonda risolutezza e decisione. Non si può cincischiare o farsi scudo dietro un dito: serve invece completare la bonifica tanto a terra quanto a mare, in quell’area, per metterla eventualmente a disposizione di nuove attività produttive e scongiurare ogni prospettiva di minaccia all’ambiente e alla salute. Il resto sono beghe da cortile e lasciano il tempo che trovano, ancor più dinanzi a problemi veri e seri quali sono tutti quelli afferenti la salute pubblica.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz antimafia a Foggia. Smantellato traffico di droga: 16 arresti, tra cui uomini della 'Società'

  • Smantellata organizzazione mafiosa: 48 arresti nel blitz 'Gran Carro', misure cautelari anche in provincia di Foggia

  • La 'Società Foggiana' messa spalle al muro: 16 arresti. Duro colpo al narcotraffico della rete criminale del 'Primitivo'

  • Coronavirus, altri 13 morti in Puglia: i nuovi contagi sono 772

  • Attimi di terrore sulla A16: conflitto a fuoco tra polizia e ladri all'altezza di Candela

  • Coronavirus, l'infezione circola in 53 comuni foggiani: salgono a otto le 'zone rosse'. Covid-free nove comuni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento