Dopo gli abbattimenti, parte la bonifica delle aree sequestrate: il day-after al ghetto "pista"

Un passo oltre i nastri apposti dalle forze dell’ordine per delimitare le aree sottoposte a sequestro, le attività nel ghetto proseguono come tutti i giorni. L'operazione di ieri può essere propedeutica al prossimo sgombero della pista

Il ghetto-pista questa mattina

Sono in fase di ultimazione le attività di bonifica nel ghetto-pista di Borgo Mezzanone, dove nella giornata di ieri una squadra composta da oltre 200 uomini, tra polizia, carabinieri, finanza, vigili del fuoco e anche esercito, ha proceduto all’abbattimento di tre capannoni ritenuti ‘circoli del malaffare’, ovvero una casa di appuntamenti e un locale notturno pseudo-discoteca in cui si praticavano attività di prostituzione (e sfruttamento della stessa) e spaccio di stupefacenti, insieme ad una simil-officina meccanica in cui finivano auto rubate.

In giornata termineranno quindi le attività di bonifica del sito da macerie e rifiuti, mentre - un passo oltre i nastri apposti dalle forze dell’ordine per delimitare le aree sottoposte a sequestro - le attività nel ghetto proseguono come tutti i giorni. L’attività messa a segno ieri potrebbe essere letta come propedeutica al prossimo sgombero del ghetto, che al momento si estende su circa 165 ettari (terreno di proprietà dell’Aeronautica militare in fase di passaggio all’Agenzia del Demanio) e che ospita circa 1500 migranti, perlopiù irregolari, ma che in estate raddoppia le presenze.

La “pista” è situata accanto al Centro Accoglienza per Richiedenti Asilo e le due realtà sono separate da una recinzione metallica divelta in più punti, rendendo la situazione ibrida e poco chiara. Tanti i migranti del ghetto che, ogni giorno, entrano ed escono dal Cara per approvvigionarsi di acqua, ad esempio; ma sono tanti i contatti (su questioni lecite e non) che avvengono tra la popolazione delle due strutture. E che difficilmente possono essere tracciati.

ghette pista sequestro-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Attimi di tensione al Grandapulia, migranti minacciano di "bloccare il Natale": cariche della polizia e lanci di pietre

  • Inseguimento da film nel Foggiano: fuga a folle velocità tra la nebbia per 40 km, volanti speronate e sul finale lo schianto

  • Presa la banda foggiana che assaltava i bancomat: tre colpi in 20 giorni, quattro arresti

  • Incidente stradale sulla Statale 89: auto perde il controllo e finisce contro un muro, a bordo tre persone

  • Assalto armato a un portavalori: paura e fuga, ritrovata la Jeep dei banditi e una targa clonata intestata a un'auto del Foggiano

  • La stanza dell'ospedale non ha la tv, paziente esce e ritorna con due lcd da 32 pollici: "Che bel gesto, grazie Luigi"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento