menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La lavanderia presa di mira dai bombaroli (Foto D'Agostino)

La lavanderia presa di mira dai bombaroli (Foto D'Agostino)

Bombe contro la "Foggia perbene". Fiaccolata contro la criminalità

Due bombe, contro una pizzeria e una lavanderia. Miranda: “Noi non lasceremo fare, non staremo zitti e non fuggiremo da Foggia. Landella: “Non lasceremo Foggia a malviventi e mascalzoni”

I bombaroli tornano a colpire a meno di 24 ore dalla Fiaccolata della Legalità. Due le esplosioni nella notte, ai piedi di una pizzeria di via Nicola Parisi e della lavanderia ‘Le Mille bolle blu’ al Cep. Nel tardo pomeriggio di oggi la cittadinanza ha la possibilità di rispondere alle intimidazioni della criminalità organizzata – che “ha dichiarato guerra alla Foggia perbene” - scendendo in piazza e illuminando il percorso che attraverserà l’isola pedonale, dal pronao della Villa Comunale a Palazzo di Città in Corso Garibaldi.

COSI’ LUIGI MIRANDA. I due attenti di questa notte ad altrettanti esercizi commerciali sono una vera e propria intimidazione arrogante e sfrontata della criminalità organizzata alla Foggia onesta, alla Foggia che lavora e che produce, che si impegna e che si mobilita contro il malaffare.  

I due attentati sono una intimidazione evidente a non partecipare alla Fiaccolata in programma questa sera. A maggior ragione questa sera dobbiamo illuminare simbolicamente Foggia con le fiaccole, con luci della legalità, per togliere spazio al buio del malaffare, quel malaffare che ci vuole succubi, intimoriti, o semplicemente apatici. Per la criminalità il nostro silenzio è  essenziale. Un silenzio dettato dalla paura o dal disinteresse non cambia. L’importante è che “lasciamo fare”.

Noi non lasceremo fare, non staremo zitti e non fuggiremo da Foggia. L’impegno comune deve essere quello di contrapporre alla criminalità organizzata la legalità organizzata. Questa città è nostra. Non abbandoneremo Foggia a malviventi e mascalzoni, e nessuno ci toglierà l’orgoglio e la soddisfazione di dire a testa alta: io sono di Foggia, una città onesta e libera.”

LE PAROLE DI FRANCO LANDELLA. Gli attentati dinamitardi che questa notte hanno colpito due esercizi commerciali della città confermano in modo ancor più forte la necessità di una ferma risposta civica ed istituzionale rispetto al riemergere del fenomeno del racket delle estorsioni. Ai titolari delle attività colpite dagli ordigni va la vicinanza e la solidarietà mia e dell’intera Amministrazione comunale.

Oggi più che mai la nostra manifestazione assume una valenza ed un significato profondi. Oggi saremo in prima fila con la nostra comunità per lanciare un messaggio chiaro ed inequivocabile a quanti pensano di poter usare la paura ed il terrore come un’arma contro la Foggia perbene. Con le associazioni che si occupano ogni giorno della lotta ad ogni forma di illegalità, con i consiglieri comunali che hanno promosso e voluto questa manifestazione, con i cittadini che invito a partecipare numerosi, scandiremo la nostra volontà di combattere fino in fondo questo fenomeno che colpisce al cuore la nostra convivenza civile e cerca di strangolare le prospettive di sviluppo della città”.

Il Comune di Foggia ha compiuto alcuni passi significativi in questa battaglia decisiva per il futuro della città: si è costituito e si costituirà parte civile nei processi per reati di natura estorsiva, aderirà alla campagna “Pizzo free”, il cui logo sarà presentato nell’Aula consiliare di Palazzo di Città al termine della manifestazione di oggi. Azioni che mettiamo e metteremo in campo in un clima di condivisione e sinergia con la Fondazione “Buon Samaritano”, con l’associazione “Libera”, con l’associazione Antiracket “Giovanni Panunzio”, con l’associazione antiracket “Vivere Liberi”, dunque con quanti sono impegnati quotidianamente in questa trincea. Saremo in piazza per difendere la legalità e per affermarne i principi.

L’appello che rivolgo alla nostra comunità è quello di essere oggi con noi, testimoniando l’unità di una città che non ha alcuna intenzione di lasciarsi sconfiggere dalle minacce e dalla criminalità. Proprio per conferire la più ampia visibilità e diffusione all’iniziativa di questo pomeriggio, la cerimonia conclusiva della fiaccolata, prevista nell’Aula consiliare di Palazzo di Città, sarà trasmessa in diretta streaming sul portale del Comune di Foggia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento