Foggia reagisce alle bombe e Libera spegne le polemiche

Antonella del 'Bibop Fashion': "Il mio negozio non c'è più, il dolore è troppo forte". Proseguono le indagini di Procura e Squadra Mobile

L'attentato al "Bibop Fashion"

I bombaroli che hanno fatto esplodere un ordigno al “Bibop Fashion” lungo il viale della stazione, potrebbero avere le ore o i giorni contati. Indizi importanti dovrebbero arrivare dalle riprese di alcune telecamere del servizio di videosorveglianza. Squadra Mobile e Procura di Foggia sono al lavoro per individuare ed arrestare i colpevoli, per completare il quadro della situazione che giorni fa ha visto finire in carcere i responsabili degli attentati a Tricot e Carmelina 13.

Da una parte le indagini, dall’altra la società civile. A Foggia si lavora per costruire il cantiere della legalità, della riscossa civica e della responsabilità etica e morale. A questo proposito il coordinamento di Libera ha precisato che non c’è nessuna polemica, né motivazione politica-ideologica, dietro la scelta di organizzare due manifestazioni.

Entrambe – spiegano - sono nate come reazione spontanea e per questo poco coordinate. Intendiamo rimanere fuori dalle polemiche suscitate da qualcuno, perché pensiamo che questo sia il momento di stare uniti e di lottare contro il nemico comune, perciò non importa la forma o la modalità che si sceglie”

Ribadiamo, inoltre, la nostra adesione al sit-in di domenica mattina, perché pensiamo che se ci sono più momenti pubblici sul tema della lotta alla criminalità minore e perché reputiamo le due manifestazioni molto diverse e quindi del tutto compatibili. Allo stesso tempo cogliamo l’occasione per invitare i singoli e le associazioni promotrici e aderenti al sit-in di domenica al corteo che sabato pomeriggio partirà dal Comune alle ore 17.30.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel frattempo, dopo lo sfogo di Luigi, uno dei due titolari del Bibop, anche Antonella su Facebook ha espresso il suo dolore: “Forse soltanto ora capisco realmente quello che è accaduto. Il mio negozio non c’è più. Il dolore è troppo forte, però credetemi, voi mi state dando una forza che non sapevo di avere. Vorrei dirvi grazie e abbracciarvi fortissimo uno ad uno perché i foggiani sono brave persone e non fanno tutti schifo”. Foggia c'è ed è pronta a dimostrarlo sabato pomeriggio e domenica mattina.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ordinanza di Emiliano sulle scuole: da lunedì sospese le lezioni in presenza per le ultime tre classi

  • 423 contagiati a Foggia, Landella firma l'ordinanza: vie e piazze della movida "chiuse" dopo le 21 nel fine settimana

  • "Che ore sono?", poi scatta la violenza: in cinque aggrediscono ragazzo in centro. "Togli la mascherina quando parli con noi"

  • In serata il nuovo Dpcm Conte: stretta sulla movida e ipotesi coprifuoco. A rischio sport dilettantisti, cinema e teatro

  • Coronavirus, l'avanzata dei contagi preoccupa la Puglia: "Si deve uscire solo per lavorare, istruirsi o altre gravi necessità"

  • Coronavirus: 75 casi in provincia di Foggia, in Puglia sono 301 e tre morti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento