Cronaca

Lavoratori in nero e irregolarmente assunti: aziende agricole nel mirino dei carabinieri

Azione di contrasto a Cerignola, Carapelle, San Ferdinando di Puglia, Stornarella, San Giovanni Rotondo, Rignano Garganico, Manfredonia, Lesina, Trinitapoli e Chieuti e Lucera

Nell’ambito delle iniziative disposte dal Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, e della convenzione tra la Prefettura di Foggia e la Regione Puglia, i carabinieri del comando provinciale, del Nucleo Operativo del Gruppo Tutela Lavoro di Napoli, del Nucleo Ispettorato del Lavoro e il personale della Direzione Territoriale del Lavoro di Foggia, hanno effettuato, nei giorni scorsi, specifici servizi finalizzati al contrasto del lavoro sommerso e dell’intermediazione illecita.

L’attività ha interessato il settore agricolo: delle 49 aziende controllate i provvedimenti di sospensione dell’attività imprenditoriale per impiego di manodopera in nero sono stati 6. Sono stati inoltre individuati 24 lavoratori completamente in nero e 14 irregolarmente assunti, contestate sanzioni amministrative per un importo complessivo di 120.550 euro e deferite cinque persone all’Autorità Giudiziaria.

In particolare sono stati adottati provvedimenti di sospensione dell’attività imprenditoriale fino ad avvenuta regolarizzazione (art. 14 del D.Lgs 81/2008) nei confronti di due aziende agricole di Cerignola, due di Carapelle ed altre due rispettivamente San Ferdinando di Puglia e di Stornarella, i cui titolari impiegavano parte dei lavoratori completamente in “nero”.

In altre otto aziende di Foggia, Orta Nova, San Giovanni Rotondo, Rignano Garganico, Manfredonia, Lesina, Trinitapoli e Chieuti è stata riscontrata, invece, la presenza di 12 lavoratori irregolarmente assunti.  Sono stati, infine, denunciati in stato di libertà all’Autorità Giudiziaria il titolare di un’azienda agricola di Manfredonia per aver impiegato un marocchino privo di permesso di soggiorno, il legale rappresentante di un'altra azienda di Lucera per aver installato un sistema di video sorveglianza con puntamento all’interno dei luoghi di lavoro, senza la prevista autorizzazione della Direzione Territoriale del Lavoro e tre titolari di imprese agricole, due di Lucera e una di Carapelle,  per non aver fatto sottoporre a visita medica preventiva il personale occupato.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lavoratori in nero e irregolarmente assunti: aziende agricole nel mirino dei carabinieri

FoggiaToday è in caricamento