Biscotti anti-cane "farciti" di punte metalliche, preso il responsabile: è un 84enne

L'anziano agiva in piazza Aldo Moro e la sera, per allontanare cani e padroni, lanciava petardi dal proprio balcone senza preoccuparsi di chi potevano colpire. A casa, la polizia ga sequestrato bocconcini letali già pronti per essere distribuiti

I biscotti sequestrati

Ha ottantaquattro anni l’uomo sospettato di aver distribuito biscotti per cani arricchiti di punte metalliche nei giardini di piazza Aldo Moro. Gli agenti della Sezione Volanti della questura di Foggia lo hanno fermato la mattina dello scorso 22 agosto e denunciato a piede libero per maltrattamento di animali.

Tutto è partito da una telefonata al 113, con la quale si chiedeva un intervento urgente in piazza Aldo Moro per avvelenamento di cani. Una volante in servizio di controllo del territorio ha immediatamente raggiunto il luogo indicato e ha preso contatti con un gruppo di persone proprietari di cani che spiegavano come da alcuni giorni veniva rilevata la presenza nel giardinetto antistante alla chiesa ivi presente, di biscotti per cani ripieni con punte metalliche per grappatrici, fortunatamente raccolte prima che i loro cani potessero ingerirli.

All’atto dell’intervento, però, due signore intente a portare a spasso i loro cani avevano sorpreso il presunto responsabile che, alle loro spalle e senza farsi accorgere, distribuiva dei biscotti ai cani. Le donne, sapendo di quanto avveniva nel giardino, hanno controllato i biscotti rimasti a terra tutti “ripieni” di punte di ferro. Prontamente le stesse hanno avvisato la proprietaria del cane, mentre il responsabile - un anziano signore - si allontanava prima che qualcuno potesse chiedere spiegazioni in merito.

Le spille metalliche all’interno dell’intestino del cane possono provocare delle emorragie interne con possibili conseguenze mortali. Intanto, nel corso dell’intervento sono state identificate le persone presenti sul posto che avevano assistito all’inqualificabile e censurabile comportamento del soggetto le quali, oltre a descrivere il modus operandi dell’uomo, hanno spiegato che lo stesso, nelle ore serali, per allontanare i cani che passeggiano con i proprietari nel giardinetto, lanciava petardi dal proprio balcone senza preoccuparsi di chi potevano colpire.

Gli operatori, dopo aver tranquillizzato le persone presenti, visibilmente alterate per le conseguenze che tale condotta avrebbe potuto provocare, hanno notato che l’autore di tale gesto criminale stava cercando di sottrarsi all’identificazione dirigendosi verso la propria abitazione ma è stato prontamente fermato dagli agenti ed identificato per M.U., foggiano, classe 1931. L’anziano ha negato di essere l’autore del gesto, provocando anche una accesa reazione da parte dei presenti, al punto da richiedere l’intervento di un ulteriore equipaggio di polizia.

Al fine di raccogliere ulteriori fonti di prova, gli operatori hanno effettuato una perquisizione presso l’abitazione del M.U. nella quale sono stati trovati una scatola di biscotti per cani della stessa marca e tipo di quelli trovati nel parco, biscotti già preparati con spille metalliche, confezioni di spille metalliche della stessa misura di quelle contenute nei biscotti e una confezione di petardi del tipo raudi. Il tutto è stato sottoposto a sequestro, mentre l’anziano è stato deferito all’Autorità Giudiziaria in stato di libertà. Per evitare ulteriori pericoli per altri cani, è stato richiesto l’intervento della Polizia Municipale per circoscrivere l’area e provvedere alla bonifica del luogo.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Strage a Orta Nova, triplice omicidio e suicidio: spara e uccide moglie e due figlie di 13 e 18 anni, poi si toglie la vita

  • Mazzi di fiori, lacrime e dolore per Teresa, Miriana e Valentina (il Comune penserà ai funerali): città incredula per l'insano gesto di Ciro

  • Incredibile al carcere di Foggia, detenuto telefona ai carabinieri dalla cella: "Siamo al ridicolo"

  • Bus frena per evitare auto, donna cade e muore: due persone a giudizio per omicidio stradale

  • "Addio Costanzo", il dirigente medico del Pronto Soccorso sempre al servizio dei pazienti: "Era un professionista esemplare"

  • Ingerisce droga, neonata in coma a Foggia: "Monitoriamo parametri vitali, situazione stazionaria"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento