Cronaca

Scende nella cantina della nonna e nei barattoli di pomodoro trova 38 milioni di lire

E' accaduto a Foggia dove, nella dispensa di una 98enne, cinque tra i barattoli di salsa di pomodoro contenevano banconote da 500 e 100 mila lire insieme alle immagini di San Luigi e della Madonna del Carmine. Segue il caso Agitalia

Cinque barattoli lasciati nella dispensa insieme a quelli per la salsa di pomodoro, ma pieni di banconote in lire per complessivi 38 milioni del vecchio conio. E’ quanto scoperto all’interno della cantina di una 98enne di Foggia, che tra i barattoli di “conserva” (la salsa fatta in casa con i pomodori freschi) custodiva un tesoretto in lire.

A notare i barattoli ricchi di banconote è stata la nipote 32enne della donna che ha poi sottoposto il caso ad Agitalia, Associazione per la Giustizia in Italia. Cinque tra i barattoli per la salsa contenevano banconote da 500 e 100 mila lire insieme alle immagini di San Luigi Gonzaga e della Madonna del Carmine.

La giovane, con grande stupore, ha iniziato a contare il denaro ed è venuto fuori un importo complessivo pari a 38 milioni di lire. La donna, poi, ha chiesto spiegazioni alla nonna ma la stessa ha detto di non saperne nulla e che probabilmente si trattava di denaro conservato lì dalla sorella dell’anziana donna, già deceduta da qualche anno. Sulle modalità di cambio lire/euro, adesso, entreranno in campo gli esperti di Agitalia.

“Se è vero infatti che è stato stabilito un termine decennale (2002-2012) per il cambio delle lire in euro – spiegano dall’Associazione per la Giustizia in Italia - è altrettanto vero, come sostiene ampiamente la Giurisprudenza, che qualsiasi termine di prescrizione o decadenza decorre da quando il soggetto è posto in grado di far valere il proprio diritto, quindi nei casi in esame i dieci anni per il cambio lire/euro decorrono dal giorno del ritrovamento delle somme in lire”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scende nella cantina della nonna e nei barattoli di pomodoro trova 38 milioni di lire

FoggiaToday è in caricamento