Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Cronaca

Furto di gas da riscaldamento per 5mila euro: nei guai (di nuovo) avvocatessa foggiana

Il legale, già al centro di una truffa a danno dei clienti seguita anche da Le Iene, è accusato di aver rotto i sigilli del contatore e usufruito senza pagare di seimila metri cubi di gas

Avvocatessa foggiana di nuovo in tribunale come imputata, questa volta non per le parcelle salate e la truffa, ma per un conto in sospeso di 5mila euro con l’azienda fornitrice di gas da riscaldamento.

La professionista foggiana (adesso ha lasciato la toga e si dedica all’insegnamento) era stata indagata, arrestata, rinviata a giudizio, processata e, nel filone perugino, anche condannata, per truffa, millantato credito del patrocinatore e patrocinio infedele. Altra condanna era stata inflitta dal Tribunale di Foggia. Un altro procedimento è pendente davanti al Tribunale di Spoleto.

Come riporta PerugiaToday.it, per le Procure che hanno indagato, l’avvocato avrebbe truffato i clienti facendo credere di aver vinto cause che in realtà erano state perse, oppure millantando conoscenze tra i magistrati che avrebbero facilitato il percorso di ricorsi o provvedimenti. Solo in Umbria avrebbe incassato almeno 300mila euro in maniera indebita.

In tribunale oggi, però, difesa dall’avvocato Giuseppe De Lio, la professionista foggiana doveva rispondere dell’accusa di furto di gas per riscaldamento. Davanti al giudice Marino Albani sono sfilati i testimoni: un carabiniere, due tecnici della società del gas e il titolare dell’appartamento preso in affitto dalla Federici. 

Il tecnico del gas ha affermato di aver constatato come la lettura del contatore alla chiusura del contratto non corrispondesse alla lettura fatta al momento della stipula di un nuovo contratto. Il funzionario dell’azienda del gas ha spiegato come funziona la lettura dei contatori e la contrattualistica. Il carabinieri ha confermato di aver preso la denuncia e acquisito la documentazione. Il proprietario dell’immobile ha ricordato come l’appartamento fosse in uso all’avvocato, che il contratto d’affitto e quello della fornitura del gas fossero stati revocati per morosità.

Secondo l’accusa, quindi, tra la chiusura del contatore e il rilascio dell’immobile, il professionista avrebbe continuato ad abitare nell’appartamento e ad utilizzare seimila metri cubi di gas, per un importo di 5mila euro di consumi. Da qui l’accusa di furto di gas dopo aver riaperto illecitamente il contatore.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Furto di gas da riscaldamento per 5mila euro: nei guai (di nuovo) avvocatessa foggiana

FoggiaToday è in caricamento