Rubano corone d'oro dalla statua della Madonna del Bosco, protettrice di Panni: individuati e denunciati i ladri

Si tratta di due uomini del Teramano, in trasferta nel Foggiano. Proseguono spedite le indagini dei carabinieri per il recupero degli oggetti sacri trafugati

Panni - Immagine di repertorio

Individuati i responsabili del furto di diverse corone d'oro messo a segno ai danni della Chiesa di Santa Maria Assunta, lo scorso 29 gennaio di Panni.

I carabinieri della Stazione di Panni, infatti, hanno concluso un'attività investigativa che ha portato al deferimento all’Autorità Giudiziaria di un 40enne di Martinsicuro in provincia di Teramo, individuato quale autore del furto. All'epoca il ladro si era introdotto forzando una finestra della chiesa, e aveva asportato i gioielli usati per incoronare la statua della Madonna del Bosco, protettrice del paese di Panni e dei suoi abitanti.

Contestualmente è stato denunciato anche un 42enne, anch'esso della provincia di Teramo, ritenuto responsabile di simulazione di reato per aver denunciato, presso la Stazione Carabinieri di Martinsicuro, nei momenti immediatamente successivi il furto commesso a Panni, quello della propria autovettura, utilizzata appunto dai malviventi per compiere il reato, e sequestrata dai carabinieri subito dopo il fatto. I malfattori, nel corso della loro fuga dal centro del subappennino, dopo aver perso il controllo della guida erano finiti fuori strada, abbandonando l'auto ormai inutilizzabile.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Proprio da quel mezzo i carabinieri di Panni avevano iniziato le indagini, che sono poi state corroborate riscontrate anche da altri elementi. La notizia era quanto mai attesa dalla comunità pannese, anche perché il 25 giugno è stata celebrata proprio la festa della Madonna del Bosco, che quest’anno non potrà ancora essere adornata dei suoi preziosi, vilmente sottratti dai malfattori denunciati dai carabinieri. Le indagini, chiaramente, proseguono per il recupero degli oggetti sacri.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Choc a Foggia: litiga con la fidanzata, i due 'cognati' lo raggiungono a casa e lo accoltellano

  • "Era bravissimo e un grande lavoratore". Amici e conoscenti in lacrime per Mattia. Pizzeria chiude per due giorni

  • Si torna a ballare in Puglia: verso la riapertura di club e discoteche all'aperto

  • Rimprovera comitiva chiassosa, ispettore di polizia accerchiato e aggredito sotto casa: grave episodio a San Severo

  • Coronavirus, 8 casi in Puglia ma Capitanata senza vittime né contagi. I positivi scendono a 1222

  • Coronavirus: due casi in provincia di Foggia, solo quattro in tutta la Puglia

Torna su
FoggiaToday è in caricamento