Cronaca

L'autopsia sul corpo di Scagliozzi 'smonta' l'ipotesi omicidio: forse una caduta. Resta il giallo su chi ha abbandonato il corpo

I risultati dell'esame autoptico non sono stati ancora consegnati agli inquirenti ma, secondo alcune indiscrezioni, non si tratterebbe di un caso di omicidio. Le indagini sono affidate ai carabinieri

Il luogo del ritrovamento del cadavere

E' stata eseguita negli scorsi giorni l'autopsia sul corpo di Nardino Scagliozzi, il 37enne di Ordona, il cui cadavere è stato ritrovato seminudo e senza vita lo scorso 17 settembre, in una cunetta sul ciglio della Provinciale 110, tra Ordona e Orta Nova

I risultati dell'esame autoptico non sono stati ancora consegnati agli inquirenti ma, secondo alcune indiscrezioni, sembrerebbero discostarsi dai primi scenari ipotizzati, in particolare quello della morte conseguente ad un brutale pestaggio.

Non si tratterebbe quindi di un caso di omicidio: alcune delle lesioni riscontrate, infatti, sembrerebbero compatibili con quelle causate da una caduta, quindi il decesso - avvenuto in un luogo diverso da quello del ritrovamento del cadavere - potrebbe essere avvenuto per cause accidentali. Resta da capire, quindi, come e dove sia avvenuto il decesso, e chi ha assistito al fatto e, verosimilmente, abbandonato il cadavere sul ciglio della strada.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'autopsia sul corpo di Scagliozzi 'smonta' l'ipotesi omicidio: forse una caduta. Resta il giallo su chi ha abbandonato il corpo

FoggiaToday è in caricamento