Cronaca

Dipendenti della Sita chiedono il reintegro di Antonio Totta

Gli autisti dell'azienda dei trasporti pubblici firmano e inviano una petizione al direttore Vinella

Si va a casa perché non si è idonei oppure perché si è sindacalisti? La paura di essere licenziati colpisce anche i colleghi di Antonio Totta, l’ex autista della Sita che ha perso il posto di lavoro dopo essere risultato inidoneo alla visita medica.

Cinquantasei dipendenti della Sita hanno firmato e inviato una petizione all’azienda in cui chiedono espressamente al direttore Vinella di fare un passo indietro in considerazione del fatto che l’azienda dei trasporti riceve dei finanziamenti pubblici e quindi non può decidere su due piedi il destino di un lavoratore e padre di famiglia.

Non ci sarebbero altre mansioni da ricoprire e per questo motivo Antonio Totta, dopo ventisei anni di lavoro, non può essere reintegrato dall’azienda. Un caso che crea un precedente e che alza il livello di guardia dei lavoratori, preoccupati ma non per questo arrendevoli.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dipendenti della Sita chiedono il reintegro di Antonio Totta

FoggiaToday è in caricamento