rotate-mobile
Giovedì, 9 Dicembre 2021
Cronaca Via Cerignola

Spari contro l’abitazione di D’Angelo, pregiudicato ai domiciliari: ucciso cane da guardia

Inquietante atto intimidatorio, ai danni di Vincenzo D'Angelo, foggiano accusato di aver progettato un tentativo di furto ai danni del caveau del Banco di Napoli

Inquietante atto intimidatorio, nella tarda serata di lunedì, ai danni di Vincenzo D'Angelo, pregiudicato foggiano coinvolto nel blitz ‘Double Key’, accusato di aver progettato un tentativo di furto ai danni del caveau del Banco di Napoli, a Foggia.

Intorno alle 21.30 del 5 settembre, una raffica di proiettili è stata esplosa ai danni dell’abitazione dell’uomo (dove lo stesso sta scontando la detenzione domiciliare), e della sua attività commerciale, una piccola concessionaria che ha sede poco lontano, lungo la Statale 16. Secondo quanto dichiarato dalla vittima, ad agire sarebbero state tre persone incappucciate, poi fuggite a bordo di un’auto di grossa cilindrata di cui non ha saputo fornire nè colore, nè modello.

TENTATO FURTO NEL CAVEAU DELLA BANCA: IL VIDEO

Chi ha agito ha colpito (al momento non è possibile stabile se volontariamente o accidentalmente) il cane da guardia - un pastore tedesco - che presidiava la struttura, uccidendolo. Gli altri colpi esplosi si sono conficcati nelle pareti esterne della struttura. 

Sull’accaduto sono in corso le indagini degli uomini della squadra mobile di Foggia; sul posto, sono stati recuperati tre bossoli calibro 7,65 (due all'esterno della struttura, uno all'interno) ed un proiettile calibro 22. L’utilizzo di due armi differenti fa presupporre che l’uomo abbia tentato di rispondere al fuoco. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spari contro l’abitazione di D’Angelo, pregiudicato ai domiciliari: ucciso cane da guardia

FoggiaToday è in caricamento