menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Serranda crivellata di colpi

Serranda crivellata di colpi

Atto intimidatorio a Curci, il Foggia Calcio contro sito leccese: “Vergognose considerazioni”

La famiglia Sannella esprime solidarietà al vicepresidente del Foggia Calcio. “Illazioni del sito leccese contribuiscono a creare tensioni tra le due tifoserie”

Il Foggia Calcio non ci sta e nel rispondere a un quotidiano on line di Lecce che ha ricondotto il grave episodio di cui è stato vittima Massimo Curci, alla sua attività di vicepresidente della società rossonera, sottolinea - nelle persone del presidente Lucio Fares, dei soci Fedele Sannella, Franco Sannella, Massimo Curci e Nicola Curci, del direttore generale Giuseppe Colucci e del direttore sportivo Giuseppe Di Bari – “l’assoluta convinzione che l’episodio di cui è stato vittima ieri sera il Massimo Curci è da ricondurre a comune criminalità, certo della totale estraneità della tifoseria rossonera che mai come in questo momento è vicina alla squadra”.

La famiglia Sannella, insieme a tutti i componenti del Foggia Calcio, ha manifestato piena ed assoluta solidarietà nei confronti di Massimo Curci e della sua famiglia in merito al terribile episodio di criminalità che li ha colpiti ieri sera, “con la speranza che certi episodi, che contribuiscono di fatto ad una limitazione di crescita del nostro territorio, non si verifichino più in futuro”.

Il Foggia Calcio conclude: “Illazioni come quelle riportate questa mattina dal sito leccese sono l’esempio di un pessimo modo di fare giornalismo e contribuiscono, queste sì, a creare tensioni tra due tifoserie quelle del Foggia e del Lecce che, pur nel rispetto della sana e reciproca rivalità, si sono sempre distinte, durante le sfide precedenti, per sportività, anche in virtù degli ottimi rapporti che intercorrono tra le società del Foggia Calcio e dell’US Lecce”

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento