menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

Prostituzione sfrontata in via Galliani e via Scillitani, esposti di residenti esasperati: scattano i controlli e un decreto di espulsione

Le attività sono state svolte lo scorso 5 febbraio e il servizio è stato predisposto in seguito ad alcuni esposti pervenuti da parte di cittadini residenti nelle zone interessate dal fenomeno

Servizio straordinario degli agenti della Polizia di Stato - Reparto Volanti  e del Comando Polizia Municipale, per contrastare la prostituzione per le strade di Foggia. Le attività sono state svolte lo scorso 5 febbraio e il servizio, preventivamente pianificato con ordinanza del Questore di Foggia, è stato predisposto anche in seguito ad alcuni esposti pervenuti da parte di cittadini residenti nelle zone interessate dal fenomeno in questione, ossia Via Galliani e Via Scillitani.

Gli agenti effettuavano un servizio di osservazione nelle aree interessate, effettuando controlli alle autovetture sospette che transitavano. In particolare la loro attenzione veniva attratta da un’auto, il cui conducente si fermava un attimo per far salire a bordo un uomo che attendeva in strada, per poi appartarsi un una zona poco illuminata.

Immediatamente gli agenti procedevano al controllo dei due occupanti e dagli accertamenti ai terminali risultava che il passeggero, visto salire poco prima, era un cittadino del Mali di circa trent’anni che aveva a suo carico un provvedimento di notifica da parte dell’Ufficio Immigrazione della Questura di Macerata.

Da accertamenti più approfonditi effettuati dagli agenti dell’Ufficio Immigrazione, emergeva che il medesimo aveva fatto richiesta per il riconoscimento della protezione internazionale. La Commissione per il riconoscimento della Protezione Internazionale di Ancona, cui era stata inoltrata la relativa istanza, decideva di non riconoscerla rigettandone la richiesta. 

Avverso tale decisione lo straniero proponeva ricorso presso il Tribunale Ordinario di Roma, nelle more delle cui determinazioni veniva rilasciato allo straniero apposito permesso di soggiorno, regolarmente rinnovato alle rispettive scadenze. Atteso che il detto ricorso è stato rigettato dal Tribunale e successivamente dalla Corte d’Appello di Ancona, lo straniero viene a trovarsi attualmente in una situazione di irregolare ed insanabile presenza sul territorio nazionale e per questo motivo gli è stato notificato il decreto di espulsione con accompagnamento immediato alla frontiera emesso dal Prefetto di Foggia. 

Ulteriori controlli antiprostituzione sono proseguiti per tutta la sera nelle zone interessate e continueranno nelle prossime settimane.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento