menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

Ha contatti con parente Covid-positivo, ma non riesce a fare il tampone: giovane resta 'ostaggio' delle procedure

La lettera di denuncia dei familiari del giovane, domiciliato a Foggia per lavoro: "Doveva tornare a Roma già lunedì, ma è letteralmente ‘sequestrato’, in una condizione di sospensione della propria vita privata e lavorativa. Pronti a denunciare"

Ha avuto contatti con un parente risultato Covid-positivo, ma non riesce ad effettuare il tampone. Così un ragazzo, domiciliato a Foggia per lavoro, resta ‘ostaggio’ della burocrazia, "sequestrato in una condizione di sospensione della propria vita privata e lavorativa".

E’ in breve quanto denunciato in una lettera inviata ai vertici dell’Asl di Foggia e del settore di promozione sanitaria della Regione Puglia. “Ho atteso ben cinque giorni prima di ricorrere alla scrittura di questa mail, ma trovo la situazione che andrò a descrivere imbarazzante, grottesca e indice della scarsa, se non inesistente, professionalità della Asl di Foggia e dei servizi Anti-Covid ad essa legati”, si legge nella missiva, dai toni duri e netti.

La replica dell'Asl Foggia

“Sabato scorso (29/08/2020) ho avuto la comunicazione dalla Asl della mia residenza, in provincia di Roma, dell'esito positivo al tampone di una parente. Ho così avvertito mio figlio, domiciliato per motivi di lavoro in un ente parastatale a Foggia, poiché nel corso delle settimane precedenti (il 16 agosto) aveva avuto contatti con la persona positiva. Mio figlio si è immediatamente attivato chiamando il numero della Regione Puglia per auto-segnalare il contatto, ricevendo assicurazione che sarebbe stato contattato dalla Asl di Foggia per ricevere indicazioni sull'appuntamento per effettuare il tampone”, spiega.

“In considerazione del fine settimana, ha atteso lunedì per contattare l'Asl e ricevere eventuali informazioni in merito, scoprendo però che all’azienda sanitaria locale non era giunta alcuna notizia del proprio contatto con una persona positiva, nonostante la propria auto-segnalazione. Nel frattempo - racconta l’uomo - il nostro medico di base aveva già provveduto ad emettergli la richiesta elettronica, già recapitatagli, per effettuare l'esame nucleico che, abbiamo scoperto, non aveva alcun valore per la Regione Puglia. In occasione della telefonata con l'Asl di lunedì scorso, mio figlio ha avuto assicurazione che sarebbe stato contattato a breve per ricevere la data dell'appuntamento”.

“Ma  finora, inutile dire che non ha ricevuto alcuna comunicazione. Nel frattempo, sia io che mia moglie abbiamo ricevuto il referto negativo del tampone effettuato, mentre mio figlio, che doveva tornare a Roma già lunedì, è letteralmente ‘sequestrato’ per l'inettitudine del personale sanitario foggiano, in una condizione di sospensione della propria vita privata e lavorativa. Voglio sperare che sia solo un caso, ma non ricevendo adeguate risposte a questa mail, non avrò alcuna remora a segnalare con maggiore dovizia di particolari il caso al Ministero della Sanità ed eventualmente al Presidente del Consiglio, visto che è originario della Provincia di Foggia”, assicura.

“Tutti noi - me, mia moglie e mio figlio - non abbiamo avuto e non abbiamo alcun sintomo riconducibile al Covid, senza considerare che sono passati più dei 14 giorni canonici (la quarantena) da quando mio figlio ha avuto il contatto con la persona positiva e quindi, di fatto, a questo punto si può profilare una totale assenza di necessità del tampone. Attendo una adeguata quanto celere risposta”, conclude.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La strega comanda color color...rosso!

Attualità

Il Governo reintroduce la zona gialla e riapre le attività all'aperto. Il premier Draghi: "Rischio ragionato su dati in miglioramento"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento