Voleva far esplodere il Comune di Pero, arrestato foggiano

Su ordine del foggiano, il quale imputava all'amministrazione comunale di non concedergli sussidi ed un alloggio Aler, era stata danneggiata l'autovettura di un dipendente comunale

Un pluripregiudicato 59enne di Foggia è stato arrestato a Pero. Per i carabinieri è il capo di una banda composta da altri due 20enni e un 41enne che insieme avevano progettato di compiere un attentato al Comune milanese o in alternativa agli alloggi Aler.

L'operazione è stata condotta dai militari della tenenza cittadina che hanno eseguito le ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse dal tribunale di Milano.

I componenti del nucleo malavitoso si erano resi protagonisti di numerosi reati intimidatori: incendio di auto, estorsioni, ma anche spaccio di droga e di banconote false.

Su ordine del foggiano, il quale imputava all'amministrazione comunale di non concedergli i sussidi ed un alloggio Aler, era stata persino danneggiata l'autovettura di un dipendente comunale.

Ma non è tutto, perchè l’intenzione dei banditi era quella di far crollare la struttura comunale mediante lo scoppio di una bombola del gas. Pericolo scampato grazie a mirati servizi preventivi dei carabinieri hanno indotto i malviventi a desistere.

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La scuola anti-covid di Emiliano tra ordinanze e appelli social. La contestazione: "Il 18 si torni in classe in sicurezza"

  • La Puglia torna in zona arancione. Conte firma il nuovo Dpcm: restrizioni fino al 5 marzo, riecco la scuola in presenza

  • Coronavirus: 1162 nuovi positivi in Puglia e 24 morti. In Capitanata 150 casi e sei vittime

  • Scuola, si cambia di nuovo: "Superiori in Ddi al 100% per una settimana, elementari e medie in presenza (con ddi a scelta)”

  • San Marco e Rignano sotto choc: addio a Matteo Longo, carabiniere esemplare e dall'animo buono

  • "Esco con gli amici" ma non fa più ritorno. Scomparso a 16 anni ma c'è chi tace per paura: "Noi non dimentichiamo"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento