Assessore muore a caccia, post choc su FB di Bacco (che voleva il Foggia): "Dovrebbe succedere più spesso"

Pasquale Mario Bacco, dirigente della Meleam, l'azienda che nel luglio scorso aveva presentato una manifestazione d'interesse per il Foggia Calcio e per questo era stato anche pesantemente minacciato, ha pubblicato un post sulla morte dell'assessore di Aggius Andrea Altea

Foto da https://youtg.net/

Pasquale Mario Bacco, dirigente della Meleam, azienda specializzata in sicurezza sul lavoro, a capo della cordata che nel luglio scorso aveva consegnato una delle sei manifestazioni di interesse per l'acquisizione del titolo sportivo del Foggia Calcio, al quale, il 19 luglio scorso davanti alla sua abitazione furono rinvenute due teste di animale con una enorme scritta sull'asfalto che riportava “Bacco e Masi via dal Foggia", è al centro di una polemica con i cacciatori per via del post sulla morte di Andrea Altea, l'assessore comunale al Turismo di Aggius trafitto da una fucilata durante la caccia al cinghiale.

"Bene. Dovrebbe succedere più spesso. Del resto ha avuto quello che lui aveva riservato a un altro essere vivente. Ogni cacciatore che muore si illumina una stella in cielo. Speriamo in un cielo pieno di stelle" 

Questa mattina l'ufficio legale di Meleam S.p.A., su indicazione della proprietà ed in seguito ad alcune segnalazioni ricevute, ha valutato, in accordo con l'autore, il post pubblicato dal proprio dirigente, dottor prof Pasquale Mario Bacco.

"Si premette che tutte le opinioni vanno rispettate e che non è nelle facoltà di un'azienda censurare o vietare la libera espressione. Le dichiarazioni del professor Bacco sono espressione di un libero cittadino e quindi assolutamente personali e legittime. E' nostro giudizio, da un'attenta e serena lettura, che le pubblicazioni auspichino, condivisibile o meno, un mondo senza animali uccisi per sport; riteniamo che non si augurino eventi nefasti.

Meleam S.p.A., al di la dei contenuti, ripetiamo condivisibili o meno, si dissocia, da qualsiasi dichiarazione non autorizzata e condivisa e quindi privata del professor Bacco, cosi come di qualsiasi dei propri dipendenti. I contenuti espressi in forma privata dal professor Pasquale Mario Bacco non possono e non devono essere ricondotti, in alcun modo, alla Meleam S.p.A..

Sempre ieri Pasquale Mario Bacco aveva pubblicato un altro post dal titolo 'La caccia, il medico e i coglioni da tastiera".

Facebook ha cancellato il mio post sulla caccia, anche in seguito alle segnalazioni dei signori cacciatori. Questi signori in privato mi hanno augurato la peggiore morte, a me, amici e vegani in genere. Questa gentaglia non è abituata a rispettare le opinioni altrui, perché i cacciatori sono abituati ad uccidere e trucidare altri esseri viventi senza nessuna difesa (tra mille sofferenze).

Quindi questa gente, in campagna, mentre fuma, piscia, scorreggia e parla di fica, si diverte ad uccidere altri esseri viventi. Ogni tanto si sparano tra di loro e si ammazzano, provando cosa significa essere sparati. E questo mi dovrebbe dispiacere? Beh no, non mi dispiace affatto.

A me i cacciatori fanno schifo e non sarò mai dispiaciuto per la morte di uno che per “sport” uccide e causa atroci sofferenze ad altri esseri viventi. E se avete le palle mettete in pubblico quello che mi avete scritto in privato. Sperando in un mondo con sempre meno cacciatori, vi saluto

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Travolge e uccide 35enne, scappa ma telecamere e frammenti lo incastrano: arrestato per omicidio stradale

  • Emiliano chiede la 'zona rossa' per la provincia di Foggia: "Qui massima gravità e livello di rischio alto"

  • "Mamma come l'ho combinato". Tutte le vittime della violenta 'Società Foggiana': "Qui le estorsioni devi pagarle a noi"

  • Coronavirus: la Puglia resta in zona arancione

  • Finisce in carcere l'uomo che ha investito e ucciso Vincenzo Maffeo. Aveva portato a riparare il mezzo da un carrozziere

  • Sua moglie è positiva, lui è in isolamento ma va ugualmente a lavorare: segnalato al 112 e multato dai carabinieri

Torna su
FoggiaToday è in caricamento