Domenica, 17 Ottobre 2021
Cronaca Cerignola

Sicurcenter, commando armato sfonda caveau con pala meccanica: arrestato bandito

Giuseppe Detto, di Cerignola, è l'unico componente del commando che la scorsa notte ha assaltato la sede dell'istituto di vigilanza Secur Service, tra Santo Spirito e Bitonto

Giuseppe Detto, quarantenne pregiudicato di Cerignola, è stato arrestato dai carabinieri di Bitonto, intervenuti in seguito all’assalto armato avvenuto la scorsa notte nella sede dell’istituto di vigilanza Sicurcenter, tra Santo Spirito e Bitonto

L’ARRESTO DI GIUSEPPE DETTO | Sulla provinciale 218 i militari dell’Arma hanno intercettato due dei componenti della banda, sorpresi mentre posizionavano una catena in ferro di traverso sulla carreggiata. Uno dei due banditi è riuscito a scappare, mentre l'altro, armato di una pistola, ha tentato di aprire il fuoco. Quando l'arma si è inceppata, i carabinieri hanno esploso alcuni colpi a scopo dissuasivo. A quel punto il malvivente si è arreso, ed è stato arrestato.

L’ASSALTO ARMATO | Un commando di almeno dieci persone, intorno alle 4, è entrato in azione con una pala meccanica. Sfondato il muro dell'edificio e fatto un grosso buco nel pavimento del caveau, i malviventi hanno prelevato e caricato su un camion le casseforti. Al momento dell’assalto i banditi hanno esploso alcuni colpi di arma da fuoco all’indirizzo della guardia giurata – fortunatamente illesa – che si trovava nel gabbiotto.

LA FUGA | Con lo scopo di ostacolare l’intervento delle forze dell’ordine, di traverso sull’asfalto i componenti del commando armato hanno posizionato tre pullman, un furgone dato alle fiamme e un autoarticolato, disseminando la strada di chiodi a quattro punto

LE INDAGINI E IL BOTTINO | Nel camion utilizzato per traferire il bottino, ritrovato a pochi chilometri di distanza dal luogo della rapina, la polizia ha recuperato una delle due casseforti asportate dal caveau.  Ancora in corso di quantificazione l'ammontare del bottino. Le indagini proseguono per cercare di risalire agli altri componenti del commando. Non è escluso che possa trattarsi di una banda proveniente dal nord della Puglia, che avrebbe agito pianificando e preparando il colpo con calma. Alcune settimane fa, infatti, nel nord barese erano stati registrati alcuni furti di pullman, che potrebbero essere stati usati per il colpo di oggi.

?

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sicurcenter, commando armato sfonda caveau con pala meccanica: arrestato bandito

FoggiaToday è in caricamento