San Severo: vìola le regole degli arresti domiciliari e torna in carcere

E' accaduto a un 41enne noto alle forze dell'ordine per il reato di detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti. Sorpreso a conversare presso la propria abitazione con persone non conviventi

Vìola l’espresso divieto imposto dal regime degli arresti domiciliari e torna in cella. E’ accaduto a uno spacciatore 41enne di San Severo, sorpreso più volte dai carabinieri del posto, a conversare e ad intrattenersi presso la propria abitazione con persone non conviventi.

C.A., queste le iniziali del suo nome, è stato trasferito al carcere di Foggia. Tempo fa era stato arrestato per il reato di detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti. Il provvedimento cautelare è stato emesso dall’Autorità Giudiziaria.

 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente mortale nel Foggiano: marito e moglie perdono la vita in un terribile impatto sulla Sp 141

  • Macabra scoperta nel Foggiano: recuperato un corpo carbonizzato dentro un'auto, vittima di un incidente stradale

  • Arrestati Angelo e Napoleone Cera: sono accusati di concussione

  • Coro ai diffidati e 'Quarta Mafia', Pio e Amedeo sbottano: "Ci siamo rotti le palle della facilità di giudizio sulla nostra terra"

  • Ha una crisi e distrugge casa, sedato e portato in ospedale muore poco dopo: è giallo sulle cause del decesso

  • Maxi furto nel caveau dell'Unicredit a Foggia: svaligiate 300 cassette di sicurezze ma non ci sarà nessun colpevole

Torna su
FoggiaToday è in caricamento