San Severo: vìola le regole degli arresti domiciliari e torna in carcere

E' accaduto a un 41enne noto alle forze dell'ordine per il reato di detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti. Sorpreso a conversare presso la propria abitazione con persone non conviventi

Vìola l’espresso divieto imposto dal regime degli arresti domiciliari e torna in cella. E’ accaduto a uno spacciatore 41enne di San Severo, sorpreso più volte dai carabinieri del posto, a conversare e ad intrattenersi presso la propria abitazione con persone non conviventi.

C.A., queste le iniziali del suo nome, è stato trasferito al carcere di Foggia. Tempo fa era stato arrestato per il reato di detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti. Il provvedimento cautelare è stato emesso dall’Autorità Giudiziaria.

 

Potrebbe interessarti

  • Proprietà e benefici dei lupini

  • Rimedi naturali per pulire la piastra del ferro da stiro

  • Alla scoperta dell'incantevole Lago di Lesina, il secondo più vasto dell'Italia meridionale

  • Le bracerie a Foggia: i posti giusti per gli amanti della carne

I più letti della settimana

  • Cadavere carbonizzato sulla SP 66: le telecamere riprendono la vittima mentre riempie la tanica di benzina con cui si è data fuoco

  • Incidente mortale tra San Severo e Apricena, violento scontro tra auto e tir: purtroppo c'è una vittima

  • Incidente mortale, scontro tra scooter e volante della polizia: muore portapizze. I testimoni: "Botto fortissimo"

  • Cancro in stato avanzato, Gianpiero non potrà essere operato. La moglie: "Cerchiamo altrove, non ci arrenderemo!"

  • Il mare della Puglia è il terzo più bello d'Italia: quello di Vieste, Mattinata, Tremiti e Monte premiato con 4 vele

  • In Cattedrale l'ultimo saluto a Simone, l'ottico con la passione per le moto deceduto in un terribile incidente stradale

Torna su
FoggiaToday è in caricamento