Altro che caffè, nella moka c'era la cocaina (in dosi): carabinieri incastrano insospettabile

L’uomo, viestano del ’59, è stato trovato anche in possesso di materiale utile per il confezionamento dello stupefacente e della somma contante di oltre 200 euro, verosimile provento dell’attività delittuosa.      

Immagine di repertorio

Nascondeva la cocaina nella moka del caffè, arrestato 60enne viestano per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. I mirati e serrati controlli che i militari della Tenenza di Vieste stanno esprimendo sul territorio, notevolmente rinforzati per l’inizio della stagione estiva, hanno permesso di arrestare un uomo che nascondeva cocaina nella sua abitazione.

I carabinieri, dopo ed aver elaborato alcune informazioni che avevano raccolto sul territorio durante i normali servizi di pattugliamento ed aver individuato l’abitazione del 60enne, hanno predisposto un servizio specifico per verificare l’attendibilità della notizia, anche nella considerazione che il soggetto non era ancora noto ai militari quale spacciatore di droga.

Avuta quindi certezza e riscontro della fondatezza della notizia, i carabinieri hanno fatto irruzione nell’abitazione e, dopo una meticolosa perquisizione domiciliare, hanno rinvenuto, occultate all’interno della macchinetta del caffè, diverse dosi di cocaina, tutte confezionate e pronte per lo spaccio al minuto. L’uomo, viestano del ’59, è stato trovato in possesso di materiale utile per il confezionamento dello stupefacente e della somma contante di oltre 200 euro, verosimile provento dell’attività delittuosa.      

Tale operazione di servizio, insieme ad altre segnalazioni per uso di stupefacenti, messe a segno sempre dai Carabinieri di Vieste, è di particolare importanza per monitorare il fenomeno del consumo e dello spaccio di droghe che, tendenzialmente,  subisce purtroppo notevoli incrementi nel periodo estivo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sangue nel cuore della movida, colpita con i vetri di una bottiglia e sfregiata a vita: arrestata ragazza di 20 anni

  • Coronavirus: la Puglia resta in zona arancione

  • Sua moglie è positiva, lui è in isolamento ma va ugualmente a lavorare: segnalato al 112 e multato dai carabinieri

  • San Marco in Lamis sotto choc, comunità in lutto per Domenico: "Questo maledetto virus gli ha tolto la vita"

  • Grave episodio in zona via Lucera: auto imbrattata con frasi, disegni volgari e sigle contro la polizia

  • Coronavirus: oggi 32 morti in Puglia e 397 nuovi casi in provincia di Foggia

Torna su
FoggiaToday è in caricamento