Cronaca Vieste

Aggredisce poliziotto, cocaina e carte di credito rubate: arrestato a Vieste

Il malvivente è stato sorpreso a spacciare. Addosso gli è stato trovato un punteruolo rosso in ferro della lunghezza di 19 centimetri. Ha sferrato calci e pugni ed è fuggito

Un viestano di anni 46, R.N., è stato tratto in arresto in Piazza Vittorio Emanuele a Vieste, luogo frequentato da spacciatori e tossicodipendenti, poiché ritenuto responsabile dei reati di ricettazione, indebito utilizzo di carte di credito, violenza resistenza e lesioni a P.U. e porto abusivo di strumenti atti ad offendere.

Oggetto di una perquisizione, l’uomo ha consegnato spontaneamente una dose di cocaina invitando le forze dell’ordine ad andar via: “Ve la dò io basta che ve ne andate”.

Insospettiti dal suo atteggiamento, gli agenti hanno proseguito la perquisizione personale trovando nel suo portafogli tre prepagate complete di Pin segreto, una delle quali intestata ad una donna che il perquisito asseriva essere sua cugina e di aver una delega per prelevare.

Improvvisamente, senza scomporsi più di tanto, l’uomo ha sferrato un pugno ed un calcio ad un poliziotto, e tentato la fuga nelle vie del centro. Riacciuffato e buttato a terra, ha continuato a dimenarsi e ne è nata una colluttazione con un altro agente in divisa.

Il malvivente con sé aveva un punteruolo in ferro della lunghezza di 19 centimetri.

Successivamente gli uomini in divisa hanno rintracciato la titolare di una delle carte di credito. In compagnia del figlio, la donna ha raccontato di essere stata fatta oggetto di furto in casa in occasione della scorsa festa patronale.

Alla luce di questo, a R.N. si contestava la ricettazione del biglietto riportante il PIN segreto della carta di credito e il suo indebito utilizzo. Ora si trova rinchiuso nel carcere di Foggia.

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aggredisce poliziotto, cocaina e carte di credito rubate: arrestato a Vieste

FoggiaToday è in caricamento