Rapinò automobilista sulla 16, poi lo schianto con auto rubata: arrestato 19enne

Il ragazzo, di Cerignola, è stato incastrato dai profili genetici estrapolati dai carabinieri nell'auto incidentata. I militari sono al lavoro per individuare gli altri membri del gruppo

L'auto rubata incidentata e i carabinieri

Dovrà rispondere dei reati di rapina aggravata in concorso e porto e detenzione abusiva di armi. Valerio Lionetti, 19enne di Cerignola è stato arrestato dai carabinieri di Cerignola che hanno eseguito una ordinanza di applicazione di misura cautelare agli arresti domiciliari emessa dal gip su richiesta della Procura di Foggia.

I fatti contestati risalgono al 12 marzo 2013 quando due persone a bordo di un’Audi A8 sono stati bloccati e rapinati mentre procedevano lungo la strada statale 16. Il fatto è accaduto all’altezza di Carapelle: una autovettura scusa dotata di lampeggianti in tutto e per tutto simili a quelli in uso alle forze dell’ordine intimò loro di fermarsi.

Alla prima piazzola di sosta disponibile però i due capirono che non si trattava di un controllo: dall’altra autovettura, infatti, uscirono due persone con il volto travisato da passamontagna ed armati di fucile che, minacciando di morte i due malcapitati, si fecero consegnare le chiavi dell’auto. I malviventi costrinsero i due ad allontanarsi, strattonandoli e buttandoli a terra; poi fuggirono a bordo dell’autovettura rapinata, sulla quale erano saliti altri due complici, seguiti dalla macchina utilizzata per l’abbordaggio.

Informati dell’accaduto, i carabinieri riuscirono subito ad intercettare le due vetture in fuga senza riuscire però a fermare i rapinatori che continuarono la folle corsa fino a quando, sulla strada che collega Stornara alla SP 95 Cerignola – Candela, il conducente dell’Audi rapinata perse il controllo del mezzo ed uscì fuori strada, carambolando violentemente. I rapinatori, rimasti quasi illesi, salirono a bordo dell’altra autovettura e continuarono la loro fuga.

L’accurato sopralluogo effettuato dai carabinieri però ha permesso di repertare nella vettura incidentata alcune tracce ematiche utili all’estrapolazione di profili genetici da comparare con quelli appartenenti a soggetti ritenuti sospettabili per la rapina. Questo tipo di attività aveva già permesso di arrestare, il 24 marzo scorso, Michele Carosiello, 34enne di Cerignola. Con la stessa metodologia i militari sono giunti ora all’identificazione di Valerio Lionetti, a cui è stato notificato in carcere il provvedimento restrittivo, poiché già detenuto per altra causa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz antimafia a Foggia. Smantellato traffico di droga: 16 arresti, tra cui uomini della 'Società'

  • Smantellata organizzazione mafiosa: 48 arresti nel blitz 'Gran Carro', misure cautelari anche in provincia di Foggia

  • La 'Società Foggiana' messa spalle al muro: 16 arresti. Duro colpo al narcotraffico della rete criminale del 'Primitivo'

  • Coronavirus, altri 13 morti in Puglia: i nuovi contagi sono 772

  • Attimi di terrore sulla A16: conflitto a fuoco tra polizia e ladri all'altezza di Candela

  • Coronavirus, l'infezione circola in 53 comuni foggiani: salgono a otto le 'zone rosse'. Covid-free nove comuni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento