Ruba 150 metri di cavi della pubblica illuminazione, ma non fa i conti con i carabinieri: arrestato

L'uomo, 32enne di Trinitapoli, è stato arrestato in flagranza di reato. I cavi in rame recisi, per un peso complessivo di circa 80 chili e del valore stimato di 1.800 euro, sono stati recuperati e restituiti al Comune

I cavi asportati a Trinitapoli

Sorpreso dai carabinieri mentre ruba i cavi della pubblica illuminazione da un pozzetto a bordo strada, a Trinitapoli. Per questo motivo, i militari hanno arrestato, in flagranza di reato, C.F., 32enne del posto, già noto alle forze dell’ordine.

L’uomo è stato sorpreso alcuni giorni fa dai militari mentre stava asportando circa 150 metri di cavi di rame dai tombini della pubblica illuminazione, in via degli Artigiani. I cavi in rame, per un peso complessivo di circa 80 chili e del valore stimato di 1.800 euro, sono stati recuperati e restituiti al Comune.

L'uomo è stato arrestato per furto aggravato e, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, è stato sottoposto agli arresti domiciliari. Dopo la convalida dell’arresto, il GIP del Tribunale di Foggia ha disposto la sua scarcerazione, in attesa del processo fissato per la mattinata odierna.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sangue nel cuore della movida, colpita con i vetri di una bottiglia e sfregiata a vita: arrestata ragazza di 20 anni

  • Coronavirus: la Puglia resta in zona arancione

  • Sua moglie è positiva, lui è in isolamento ma va ugualmente a lavorare: segnalato al 112 e multato dai carabinieri

  • San Marco in Lamis sotto choc, comunità in lutto per Domenico: "Questo maledetto virus gli ha tolto la vita"

  • Grave episodio in zona via Lucera: auto imbrattata con frasi, disegni volgari e sigle contro la polizia

  • Coronavirus: oggi 32 morti in Puglia e 397 nuovi casi in provincia di Foggia

Torna su
FoggiaToday è in caricamento