Con coltello da sub tentano rapina, ma titolare reagisce: rapinatori in fuga

E' quanto accaduto la mattina del 30 settembre, in un "Compro Oro" in viale Di Vittorio. I rapinatori sono stati messi in fuga dopo la strenua resistenza del titolare: entrambi riconosciuti dalla polizia, che ha già provveduto ad un arresto

Un fotogramma

Aveva appena alzato la saracinesca della propria attività - un “Compro Oro”, in viale Di Vittorio, a Cerignola - quando si è visto piombare alle spalle due individui, entrambi con il volto travisato da calzamaglia, di cui uno armato di un grosso coltello da sub. Ma il titolare dell’attività, nonostante le minacce e le percosse, ha reagito facendo desistere i rapinatori del loro intento.

E’ quanto accaduto la mattina dello scorso 30 settembre, quando solo l’inaspettata reazione della vittima ha evitato che la rapina venisse consumata, peraltro in pieno giorno. Per il fatto, gli agenti del commissariato di Cerignola - diretti dal vice questore aggiunto Loreta Colasuonno - hanno tratto in arresto Francesco Petronelli, giovane cerignolano già noto alle forze dell’ordine, e stanno cercando il suo complice.

Secondo quanto ricostruito, i due hanno fatto irruzione nell’attività commerciale e hanno cominciato a minacciare il titolare per fargli aprire la cassaforte e consegnare loro quanto in essa contenuto. L’uomo però ha opposto resistenza, ha difeso la sua attività con le unghie e con i denti, ignorando le minacce e incassando strenuamente calci e pugni, con lesioni che lo hanno costretto a ricorrere alle cure dei medici del pronto soccorso cittadino. Per lui la prognosi è di 15 giorni.

Spiazzati da tale tenacia e resistenza e non essendo riusciti nel loro intento, i due individue hanno forzato la porta d’ingresso dell’attività con il coltello da sub e sono fuggiti a piedi, dileguandosi per le stradine cittadine. Immediato l’intervento della polizia che si è messa subito sulle tracce dei due giovani, uno dei quali - Petronelli, appunto - è stato rintracciato nascosto sotto una autovettura parcheggiata in strada, certo di godere della copertura di alcuni giovani del posto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un nascondiglio subito individuato dalla polizia che lo ha bloccato e ammanettato. Decisive si sono rivelate le immagini dei sistemi di video-sorveglianza delle attività commerciali poste nelle vicinanze che hanno consentito d’individuare, sin da subito, sia Petronelli (in stato fermo di indiziato di delitto, accompagnato al carere di Foggia e a disposizione dell’autorità giudiziaria) che il suo complice, quest’ultimo riconosciuto dalla polizia e attivamente ricercato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz antimafia a Foggia. Smantellato traffico di droga: 16 arresti, tra cui uomini della 'Società'

  • Coronavirus, ordinanza di Emiliano sulle scuole: da lunedì sospese le lezioni in presenza per le ultime tre classi

  • Coronavirus, l'avanzata dei contagi preoccupa la Puglia: "Si deve uscire solo per lavorare, istruirsi o altre gravi necessità"

  • Ecco la bozza del nuovo Dpcm: bar e ristoranti chiusi alle 18. Stop a palestre e piscine

  • 423 contagiati a Foggia, Landella firma l'ordinanza: vie e piazze della movida "chiuse" dopo le 21 nel fine settimana

  • La 'Società Foggiana' messa spalle al muro: 16 arresti. Duro colpo al narcotraffico della rete criminale del 'Primitivo'

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento