rotate-mobile
Cronaca

Caos sul regionale Bari-Foggia: insulti e minacce a capotreno, costretta a chiudersi nel convoglio

E' accaduto lo scorso 24 gennaio. La donna ha allertato gli agenti della Polfer che sono riusciti ad individuare l'esagitato - un uomo di Milano, di 42 anni - e ad arrestarlo per la capotreno, tanta paura e una prognosi di 7 giorni

Insulta e minaccia capotreno, costretta a chiudersi nel convoglio: arrestato 42enne milanese. Il fatto è accaduto, lo scorso 24 gennaio, quando - nel corso di specifici servizi di perlustrazione dello scalo ferroviario di Foggia - agli agenti della Polfer sono stati allertati da un capotreno giunto in città con un regionale proveniente da Bari.

Arrivati al binario indicato, i poliziotti hanno preso contatto con la capotreno che, in evidente stato di agitazione ed impaurita, riferiva di essere stata costretta a rimanere chiusa all’interno del convoglio poiché un uomo l’aveva gravemente minacciata, con l’evidente intento di aggredirla fisicamente se la stessa fosse scesa dal treno.

Individuato il soggetto - un uomo originario di Milano, di 42 anni con numerosi precedenti di polizia - gli agenti lo hanno arrestato, anche a seguito della denuncia sporta  dalla donna che, a sua volta, è stata refertata al pronto soccorso con prognosi di 7 giorni. Il tempestivo intervento degli agenti Polfer ha evitato ulteriori conseguenze ad una categoria di esposti e lavoratori a rischio, come avvenuto già in passato. Al termine degli adempimenti di rito, l’arrestato è stato associato presso la locale Casa Circondariale a disposizione dell’autorità giudiziaria competente.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caos sul regionale Bari-Foggia: insulti e minacce a capotreno, costretta a chiudersi nel convoglio

FoggiaToday è in caricamento