Sparatoria a San Severo: ferito fuori pericolo, polizia ferma 38enne e cerca il suo complice

Fondamentali per le indagini sia le immagini di una telecamera presente lungo la strada teatro dell'accaduto che le parziali ammissioni della vittima. Indagini in corso degli agenti del commissariato e della squadra mobile di Foggia

Il luogo della sparatoria

E’ stato dimesso dall’ospedale il 25enne Lino Lavacca, ferito nel pomeriggio di ieri in una sparatoria avvenuta tra via Cavour e corso Duca D’Aosta, a San Severo.

Fuori pericolo, quindi, il giovane colpito da due proiettili esplosi da una pistola calibro 9 (tre i bossoli repertati dalla polizia), che lo hanno ferito ad un polpaccio e di striscio alla testa (il proiettile è entrato e uscito evitandogli danni ben più gravi).

VIDEO | A SAN SEVERO SI SPARA PER STRADA: FERITO 25ENNE

Il fatto è successo nel primo pomeriggio di ieri: pare che la sparatoria sia la degenerazione di un precedente litigio che la vittima ha avuto con altri due soggetti, uno dei quali - un 38enne del posto - è stato fermato dalla polizia subito dopo il fatto, mentre il secondo è attivamente ricercato.

Le indagini degli agenti del commissariato cittadino e della squadra mobile di Foggia sono state efficaci e immediate e hanno permesso di circoscrivere sin da subito i sospetti attorno ad un uomo del posto, del quale gli inquirenti preferiscono, per il momento, non divulgare il nome.

Fondamentali per il buon esito delle indagini sia le immagini di una telecamera presente lungo la strada teatro dell’accaduto che le parziali ammissioni della vittima. Il soggetto fermato è accusato del tentato omicidio del 25enne, in concorso con un'altra persona.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Travolge e uccide 35enne, scappa ma telecamere e frammenti lo incastrano: arrestato per omicidio stradale

  • Emiliano chiede la 'zona rossa' per la provincia di Foggia: "Qui massima gravità e livello di rischio alto"

  • "Mamma come l'ho combinato". Tutte le vittime della violenta 'Società Foggiana': "Qui le estorsioni devi pagarle a noi"

  • Coronavirus: la Puglia resta in zona arancione

  • Finisce in carcere l'uomo che ha investito e ucciso Vincenzo Maffeo. Aveva portato a riparare il mezzo da un carrozziere

  • Sua moglie è positiva, lui è in isolamento ma va ugualmente a lavorare: segnalato al 112 e multato dai carabinieri

Torna su
FoggiaToday è in caricamento