menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Vasile Vasil Kostov

Vasile Vasil Kostov

Arrestato pericoloso latitante bulgaro ricercato per traffico di essere umani

Vasile Vasil Kostov girava con documenti falsi e due guardaspalle. E' stato arrestato a San Severo. Dovrà scontare 25 anni di carcere nel suo paese: Ai poliziotti: "Meglio 10 anni di carcere in Italia che uno in Bulgaria"

“Meglio 10 anni di carcere in Italia che uno solo in Bulgaria”. Sarebbero state queste le uniche parole pronunciate dal 36enne bulgaro, Vasile Vasil Kostov, arrestato ieri a San Severo dagli agenti della squadra mobile di Foggia nell’ambito di un’operazione congiunta portata a termine con la collaborazione degli uomini dei commissariati di Manfredonia e San Severo.

L’uomo era latitante da almeno un anno. Dodici mesi durante i quali si spostava sul territorio nazionale, di città in città, facendo perdere continuamente le proprie tracce. Documenti falsi in tasca e due connazionali sempre presenti a guardagli le spalle.

Le sue ultime tappe sono state in Emilia Romagna e in Provincia di Foggia, dove si è rifugiato – dal mese di luglio - a Manfredonia, Foggia e San Severo, mobilitando le locali forze di polizia: sul suo capo, infatti, pendeva un mandato di cattura internazionale.

Il 36enne bulgaro - considerato nel suo paese un “pezzo grosso”, un criminale di alta caratura - era ricercato per il reato di associazione per delinquere e traffico di esseri umani, reati per i quali dovrà scontare un totale di 25 anni di carcere nel suo paese.

L’uomo è stato arrestato ieri, a San Severo, mentre era a bordo di una Peugeot seduto sul sedile posteriore in compagnia dei suoi due “guardaspalle”.

Intercettato, l’auto a bordo della quale stava viaggiando è stata accerchiata da tre auto della polizia. Vistosi letteralmente braccato, Kostov non ha nemmeno provato a fuggire.

La notizia del suo arresto, in Bulgaria, è stata accolta con grande clamore: insieme ad altri membri della sua famiglia, infatti, l’uomo reclutava giovani donne da avviare alla prostituzione.

Al momento, sono in corso ulteriori indagini volte ad accertare e verificare eventuali attività illecite avviate dall’uomo sul territorio nazionale italiano.

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La Puglia in bilico tra il giallo e l'arancione

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento