15mila euro per riavere il trattore, altri 2mila per "l'interessamento": scoperto cavallo di ritorno, un arresto

Gli agenti della Squadra Mobile, con la collaborazione del Commissariato di San Severo, hanno arrestato Mario Antonio Luminoso, di 43 anni, pregiudicato e sorvegliato speciale sanseverese con obbligo di soggiorno

Immagine di repertorio

Prima il furto, poi la richiesta estorsiva. Il meccanismo del 'Cavallo di ritorno' è stato scoperto dagli agenti della Squadra Mobile di Foggia che, con la collaborazione del Commissariato di San Severo, hanno portato a termine di un’articolata attività d’indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Foggia, all'esito della quale è stato arrestato Mario Antonio Luminoso, di 43 anni, pregiudicato e sorvegliato speciale sanseverese con obbligo di soggiorno.

L’attività d’indagine ha fatto piena luce su un episodio di estorsione ai danni di un imprenditore agricolo di San Severo al quale, il 9 luglio, era stato rubato un trattore del valore di oltre € 90.000. A seguito del furto, l’imprenditore agricolo è stato avvicinato dall'uomo il quale, paventando conoscenze con gli autori del furto, si è proposto di restituirgli il mezzo agricolo dietro pagamento di un’ingente somma di denaro. Nello specifico lo stesso riferiva alla vittima che per la restituzione del mezzo occorrevano € 15.000 da consegnare agli autori materiali del furto e € 2.000 quale compenso per la sua intermediazione.

Di fondamentale importanza, nella vicenda delittuosa, è stata la collaborazione della vittima la quale, sin da subito, ha deciso di rivolgersi alla Polizia a cui ha riferito puntualmente tutte le richieste che provenivano dall’estortore. La vittima, pertanto, acconsentiva alle richieste di Luminoso, al quale chiedeva, come unica condizione, che prima di pagare la somma pattuita avrebbe voluto vedere il mezzo. Tale condizione è stata accettata dall'indagato il quale, nel corso della giornata di ieri, ha impartito precise indicazioni alla vittima su come e dove doveva essere consegnato il denaro.

L’accordo è stato raggiunto nella serata di ieri, quando il 43enne ha ricevuto conferma da parte della vittima che avrebbe effettivamente pagato e che aveva il denaro con sé. A quel punto la vittima è stata accompagnata dallo stesso in una strada di campagna in agro di San Severo ove era stato nascosto il mezzo che gli veniva restituito. Subito dopo aver consegnato il mezzo, secondo quelli che erano gli accordi preventivamente presi, Luminoso si recava dalla moglie della vittima la quale era deputata alla consegna del denaro. All’appuntamento, però, l'uomo ha trovato gli agenti della Squadra Mobile che lo hanno tratto in arresto e condotto presso il carcere di Foggia  a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sangue nel cuore della movida, colpita con i vetri di una bottiglia e sfregiata a vita: arrestata ragazza di 20 anni

  • Grave episodio in zona via Lucera: auto imbrattata con frasi, disegni volgari e sigle contro la polizia

  • Attimi di terrore in un supermercato: irrompono malviventi, durante la rapina minacciano e tentano di colpire cassiera

  • Spaventoso incidente in via Castiglione: ragazza abbatte tubo del gas e si schianta contro una farmacia agricola

  • Addio al dott. Michele Urbano, la Capitanata piange la scomparsa di un professionista "serio e laborioso"

  • Blitz antidroga nell'alto Tavoliere: una dozzina di arresti e perquisizioni nell'operazione 'Jolly'

Torna su
FoggiaToday è in caricamento