Arrestato finto tecnico del gas: vittima consegna 250 euro, ma dalla stanza da letto sbucano i poliziotti

Ad agire un 21enne di San Severo, vittima un anziano 75enne. Il ragazzo è stato arrestato per truffa aggravata

Immagine d'archivio da VeronaSera

Martedì 2 aprile gli agenti della Polizia di Stato del commissariato di San Severo hanno tratto in arresto Nicola Calabrese, classe 1997, per truffa aggravata.

Verso le 10, un uomo di oltre 75 anni si recava presso gli uffici del commissariato per riferire che probabilmente era stato vittima di una truffa. Raccontava che il giorno prima era stato contattato sul suo cellulare attraverso un numero da lui non registrato nella rubrica telefonica.

In considerazione dell’insistenza delle chiamate, aveva deciso di rispondere al "tecnico" che avrebbe dovuto risolvere il problema dell’allaccio del gas.

Siccome l’anziano circa un mese prima aveva chiesto il passaggio ad altra società, acconsentiva a ricevere il presunto tecnico a casa sua nel pomeriggio. Verso le 16 si presentava un giovane vestito con una tuta da lavoro, con un nome di fantasia, dicendo che era disposto ad allacciare il gas per circa 1000 euro, di cui 500 da consegnare subito e altre 500 il 18 aprile. Nella circostanza lasciava all’anziano due buoni di consegna di euro 500. Non avendo in quel momento disponibilità della somma di denaro, il finto tecnico sarebbe passato il giorno dopo alle 16 a ritirarli.

La mattina successiva, però, la vittima, resasi conto che stava per cadere nella trappola di un truffatore, si rivolgeva agli agenti del commissariato riferendo quanto accadutogli. I poliziotti concordavano di farsi trovare in casa all’arrivo del sedicente tecnico, nascondendosi nella stanza da letto.

L’anziano consegnava al 21enne circa 250 euro, ma nello stesso frangente - mentre incassava la somma di denaro - intervenivano i poliziotti sorprendendo il truffatore sul fatto. Il Calabrese vistosi scoperto, restituiva subito la somma di denaro appena ricevuta, nel contesto veniva riconosciuto dalla vittima come la stessa persona che il giorno prima gli aveva chiesto di consegnare 1000 euro per l’ allaccio del gas.

Dopo le formalità di rito veniva condotto presso la propria abitazione agli arresti domiciliari a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sangue nel cuore della movida, colpita con i vetri di una bottiglia e sfregiata a vita: arrestata ragazza di 20 anni

  • Coronavirus: la Puglia resta in zona arancione

  • Sua moglie è positiva, lui è in isolamento ma va ugualmente a lavorare: segnalato al 112 e multato dai carabinieri

  • San Marco in Lamis sotto choc, comunità in lutto per Domenico: "Questo maledetto virus gli ha tolto la vita"

  • Grave episodio in zona via Lucera: auto imbrattata con frasi, disegni volgari e sigle contro la polizia

  • Coronavirus: oggi 32 morti in Puglia e 397 nuovi casi in provincia di Foggia

Torna su
FoggiaToday è in caricamento