Botte e privazioni, così estorceva denaro alla madre per la droga: arrestato

Una terribile storia scoperta dagli agenti del commissariato di San Severo che, per il fatto, hanno arrestato un 34enne del posto. La vittima costretta a vivere nell'indigenza totale: senza il necessario per vivere e per acquistare farmaci

Una terribile storia di violenze e privazioni dietro le mura domestiche. E’ quella scoperta dagli agenti dell’ufficio anticrimine del commissariato di San Severo che, per il fatto, hanno arrestato un 34enne del posto, per estorsione nei confronti dell’anziana madre.

Tutto è partito alcuni giorni fa, quando il giovane ha costretto - per l’ennesima volta - l’anziana madre a recarsi insieme a lui in banca per effettuare un prelievo di danaro; somma che lo stesso le ordinava e poi intascava direttamente. Solo il tempestivo l’intervento della polizia ha finalmente posto fine un vero e proprio incubo per l’anziana donna e l’altro figlio.

Secondo quanto accertato dalla polizia, già da parecchi mesi – e verosimilmente l’acquisto di sostanza stupefacente – il 34enne maltrattava la madre, anziana ed invalida, ed il fratello, sottoponendo loro a ripetute vessazioni psico-fisiche. In più occasioni, infatti, lo stesso ha picchiato la madre per costringerla a prelevare in pochi giorni la misera pensione.

Ormai, la donna non aveva più nulla: neanche il necessario per vivere e per acquistare i farmaci di cui aveva bisogno; viveva assieme all’altro figlio nella totale indigenza economica, sopportando privazioni di ogni tipo (anche alimentari), oltre che in uno stato costante di paura. Il 34enne, infatti, aveva venduto anche i pochi elettrodomestici necessari per vivere come lavatrice e televisore.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’arrestato non era nuovo a questi comportamenti: era già stato denunciato e sottoposto alla misura cautelare dell’allontanamento dalla casa familiare, ma lo stesso ha continuato a vessare i familiari, violando la misura imposta. L’arresto, però, ha posto fine ad un vero e proprio incubo patito dalle due vittime e l’autorità giudiziaria ha . convalidato l’arresto disponendo la misura della custodia cautelare in carcere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus più sfuggente, in Puglia "il tracciamento salta" ma il sistema sanitario regge: non si escludono singoli lockdown

  • Covid, verso il nuovo Dpcm: coprifuoco tra le 22 e 23. Rischiano la chiusura parrucchieri, estetisti, cinema e teatro

  • "Che ore sono?", poi scatta la violenza: in cinque aggrediscono ragazzo in centro. "Togli la mascherina quando parli con noi"

  • In serata il nuovo Dpcm Conte: stretta sulla movida e ipotesi coprifuoco. A rischio sport dilettantisti, cinema e teatro

  • Coronavirus, quattro 'zone rosse' e 5 amaranto in Capitanata. Focolai rsa e covid-positivi in più della metà dei comuni

  • Coronavirus: sfondata quota 350 contagiati in un giorno in Puglia. I nuovi positivi in Capitanata sono 89

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento