menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Lo stupefacente sequestrato

Lo stupefacente sequestrato

Un kg di cocaina tra le capsule nel caffè: blitz dei carabinieri nel bar, arrestato titolare

Il controllo in via dei Greci, a San Severo. Dallo stupefacente sequestrato, si sarebbero potute ricavare 4.641 dosi, che avrebbero reso circa 80.000 euro

Ormai da tempo i carabinieri della Compagnia di San Severo stanno dedicando un'attenzione particolare sulla città, sia per la prevenzione e la repressione dei reati predatori, sia nella lotta agli stupefacenti. E proprio in città, i militari dell’Aliquota Operativa del NORM e della locale Stazione, attirati dagli atteggiamenti sospetti del titolare di un bar di via dei Greci, al termine di mirati servizi di osservazione e pedinamento, hanno tratto in arresto per detenzione di sostanze stupefacenti Antonio Infante, 61enne censurato di San Severo.

I carabinieri, infatti, convintisi nel corso di questi servizi che l'uomo fosse implicato in qualcosa di illegale, hanno deciso di procedere ad una perquisizione del locale, che si è infatti conclusa con il ritrovamento di un chilogrammo di cocaina, suddivisa in 13 buste termosigillate ed occultate tra le confezioni di caffè in capsule.

L’arrestato è stato associato presso la casa circondariale di Foggia, a disposizione dell'Autorità Giudiziaria, mentre le analisi effettuate dal Laboratorio Analisi Sostanze Stupefacenti del Comando Provinciale di Foggia hanno rilevato che dallo stupefacente, stando alle tabelle ministeriali, si sarebbero potute ricavare 4.641 dosi, che gli avrebbero reso circa 80.000 euro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

"Compro 3mila dosi del vaccino Sputnik con la mia indennità"

Attualità

L'impianto di compostaggio di San Severo si farà: ha vinto Saitef, il Consiglio di Stato certifica il 'pasticcio' del Comune

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento