rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Cronaca San Severo

Multipla 'imbottita' di marijuana intercettata dalla polizia a San Severo: arrestato il conducente

Gli agenti del commissariato di San Severo e della squadra mobile di Foggia hanno sequestrato 5,7 kg di marijuana nascosti sotto il sedile centrale del mezzo. Arrestato il 34enne Antonio Carano per detenzione ai fini di spaccio

Nascondeva oltre 5 kg di marijuana nella sua auto. E' quanto scoperto lo scorso giovedì, 2 maggio, dagli agenti del commissariato di San Severo e della squadra mobile di Foggia che, per il fatto, hanno arrestato Antonio Carano, 34 anni, per detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio.

Nel corso di un servizio di controllo del territorio, finalizzato al contrasto di rapine ai danni di autotrasportatori, gli agenti  intercettavano un’auto sospetta con a bordo una persona in zona San Severo sud. L’auto in questione, una Fiat Multipla, viaggiava a velocità molto sostenuta, pertanto si procedeva al controllo del mezzo. Il conducente non riusciva a dissimulare lo stato agitazione e ciò insospettiva i poliziotti, i quali decidevano di condurre il fermato presso gli uffici del Commissariato, allo scopo di poter approfondire meglio il controllo sull’autovettura.

Difatti, sotto il sedile centrale celato dalla tappezzeria vi era un taglio della lamiera sotto la quale vi era un sottofondo che fungeva da intercapedine. In detto spazio venivano rinvenuti 5 bustoni trasparenti termo-sigillati contenenti una sostanza vegetale con inflorescenze del tipo marijuana. L’esame narcotest dava esito positivo al reagente della marijuana ed il peso complessivo della sostanza corrispondeva a 5,700 kg. Tutto il materiale è stato sottoposto a sequestro penale, mentre Carano, dopo gli accertamenti di rito, è stato condotto presso la Casa Circondariale di Foggia a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Multipla 'imbottita' di marijuana intercettata dalla polizia a San Severo: arrestato il conducente

FoggiaToday è in caricamento