menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Dove ci vediamo?" Sms e telefonate incastrano spacciatore. Sul luogo dello scambio si presentano i carabinieri

A San Paolo di Civitate i carabinieri hanno dichiarato in stato di arresto un ragazzo di 23 anni ritenendolo responsabile di illecita detenzione e cessione di sostanza stupefacente

Giovedì scorso i carabinieri della stazione di San Paolo di Civitate hanno proceduto al controllo di un 23enne, già noto, che si aggirava in bicicletta in tarda ora tra le vie del paese. 

Fermato per un normale accertamento, il ragazzo si è mostrato agitato, tanto da fornire una spiegazione che non ha convinto i militari dell'Arma, che insospettiti dall'atteggiamento hanno deciso di approfondire il controllo.

La perquisizione personale ha permesso ai militari dell'Arma di rinvenire una dose di cocaina, confezionata in una bustina di plastica termosaldata, e 130 euro, suddivisi in banconote di piccolo taglio, elementi tipici della condotta di spaccio di sostanze stupefacenti.

Nel frattempo, al numero di telefono del pusher, sono arrivati numerosi messaggi e chiamate tutti finalizzati a concordare un incontro. Sul luogo della consegna si sono presentati i carabinieri, che al termine dell’escussione dei soggetti, hanno accertato che erano tutti acquirenti in cerca di sostanza stupefacente.

Raccolti tutti gli elementi, i carabinieri hanno dichiarato in stato di arresto il ragazzo, ritenendolo responsabile di illecita detenzione e cessione di sostanza stupefacente.

Dopo una notte passata ai domiciliari ed a seguito della convalida dell’arresto, il giudice ha sottoposto il giovane alla misura cautelare dell’obbligo di dimora nel comune di San Paolo Civitate, prescrivendogli di non allontanarsi dall’abitazione dalle 21 alle 7.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lopalco: "Puglia zona gialla non è liberi tutti"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento