menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

'Armato' di ascia tenta il furto ad un distributore: ladro incorreggibile, era ai domiciliari per un colpo in appartamento

Finisce nuovamente ai domiciliari un 35enne di San Nicandro Garganico, arrestato per i reati di evasione e furto aggravato dall’aver esercitato violenza sulle cose

Due arresti i 10 giorni, domiciliari-bis per ladro incorreggibile. Finito ai domiciliari dopo un furto in appartamento, viola le prescrizioni per tentare un furto – armato di ‘ascia’ – in danno di un distributore h24.

Il fatto è successo a San Nicandro Garganico: la notte dello scorso 4 gennaio, i carabinieri della Stazione di Apricena hanno nuovamente arrestato l’uomo che tra il 24 e il 25 dicembre aveva consumato un furto in abitazione a San Nicandro Garganico e aveva poi opposto resistenza all’arresto, motivo per cui il gip del Tribunale di Foggia lo ritenne responsabile dei reati di tentata rapina e resistenza a pubblico ufficiale e a seguito dell’udienza di convalida gli applicò la misura cautelare degli arresti domiciliari.

Questa volta, i militari della Stazione di Apricena, mentre transitavano su Corso Garibaldi di San Nicandro Garganico, sono stati richiamati dai rumori provenienti dall’interno del locale ‘Insert Coin’, dove sono installati dei distributori automatici. I militari, scesi dall’autovettura di servizio, si sono avvicinati all’attività e si sono trovati faccia a faccia col 35enne.

Questi, alla vista dei militari, ha lasciato cadere l’ascia di cui era munito e si è fatto accompagnare in caserma, dove è stato dichiarato in stato di arresto per i reati di evasione e furto aggravato dall’aver esercitato violenza sulle cose. Al termine dell’udienza di convalida il gip del Tribunale di Foggia ha disposto che lo stesso fosse nuovamente condotto presso la propria abitazione e lì sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Si può andare a caccia e in un altro comune: per la Regione è “stato di necessità” per l’equilibrio faunistico-venatorio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento