Lunedì, 2 Agosto 2021
Cronaca

Mega piantagione di marjuana scoperta sul Gargano: sequestrate 750 piante da 350 kg, avrebbero fruttato un ritorno di 835mila euro

L'operazione dei carabinieri a San Marco in Lamis. Dallo stupefacente sequestrato si sarebbero potute ottenere ben 167.310 dosi da strada per un valore commerciale stimato di 850mila euro. Arrestato 45enne

Ben 750 piante di marijuana sono state sequestrate dai carabinieri sul Gargano. L'operazione è stata messa a segno dai militari della stazione di San Marco in Lamis, che hanno rinvenuto una grossa piantagione di marijuana ed arrestano il detentore.

I militari, insieme al personale dello squadrone Cacciatori, nel corso di opportuni servizi, svolti nelle zone più impervie ed isolate del territorio, dopo aver individuato una grossa piantagione di marijuana, sono intervenuti, rintracciando sul posto, quello che è stato accertato essere il detentore, un 45enne noto alle forze dell'ordine.

L’operazione ha portato al sequestro di ben 750 piante di marijuana del tipo ‘Afghano’, aventi un peso complessivo di 350 chilogrammi, piantate nell’orto di quella masseria. La scoperta ha portato anche all’individuazione di un rudimentale e sofisticato impianto di irrigazione, costituito da due grosse cisterne, cui erano collegati dei tubi che si univano ad un impianto a goccia, facendo in modo che quelle piante venissero costantemente irrigate.

Le 750 piante rinvenute sono state estirpate e sequestrate, così come è stato sequestrato l’impianto di irrigazione e le due cisterne.

Gli accertamenti eseguiti sulle piante sequestrate dal personale del Laboratorio Analisi Sostanze Stupefacenti del Comando Provinciale di Foggia hanno consentito di rilevare che era possibile ricavare ben 167.310 dosi che avrebbero fruttato un consistente ritorno economico stimato in circa 835mila euro. L’uomo, dopo la convalida dell’arresto, è ai domiciliari.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mega piantagione di marjuana scoperta sul Gargano: sequestrate 750 piante da 350 kg, avrebbero fruttato un ritorno di 835mila euro

FoggiaToday è in caricamento