Maltrattava moglie da 10 anni, 50enne arrestato a San Giovanni Rotondo

Avrebbe minacciato la moglie di bruciarle l'appartamento. L'uomo aveva perso il lavoro come bracciante agricolo e si era dato all'alcool. Pretendeva monili d'oro per procurarsi il denaro

Ritenuto responsabile di maltrattamenti in famiglia, violenza sessuale e tentata estorsione nei confronti della moglie, nei giorni scorsi un 50enne di San Giovanni Rotondo è stato arrestato dai carabinieri della città di San Pio.

L’ordinanza di custodia cautelare è stata emessa dal GIP del Tribunale di Foggia, su richiesta di quella Procura della Repubblica. I fatti sarebbero iniziati una decina di anni fa e maturati sotto il tetto coniugale.

Dieci anni in cui la vittima sarebbe stata costretta a subire i maltrattamenti da parte di B.A. L’ultimo in ordine di tempo risale al febbraio di quest’anno, quando, durante una discussione scaturita dalla richiesta di separazione giudiziale e dell’assegnazione della casa coniugale, il marito avrebbe minacciato di buttare benzina e bruciare tutto piuttosto che lasciarle l’appartamento, lanciando contro la consorte il telecomando e colpendola ad un occhio, provocandole ecchimosi ed escoriazioni giudicate guaribili in dieci giorni.

Qualche giorno prima l’accaduto, dopo 10 anni di silenzio, la donna ha trovato il coraggio di raccontare tutto ai militari del 112.

A seguito delle dichiarazioni rese dalla vittima, corroborate da necessari ed idonei riscontri, i carabinieri della locale stazione hanno ricostruito un decennio di violenze e situazioni contraddistinte da angoscia e frustrazione, iniziati appena un anno dopo il matrimonio della coppia, quando, per motivi di lavoro il nucleo familiare risultava residente in Germania.

Da alcuni mesi gli abusi erano frequenti e cruenti. L’uomo infatti aveva perso il lavoro come bracciante agricolo e in preda alla disperazione si era dato all’alcool. Per procurarsi il denaro il marito avevrebbe persino preteso gli oggetti e i monili d’oro appartenenti ai loro figli

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le indagini eseguite attraverso l’acquisizione di documentazione varia e l’interrogatorio di numerose persone, hanno permesso di formulare, a carico del cinquantenne, chiari, precisi ed inconfutabili elementi di reità, nonché gravi indizi di colpevolezza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus più sfuggente, in Puglia "il tracciamento salta" ma il sistema sanitario regge: non si escludono singoli lockdown

  • Covid, verso il nuovo Dpcm: coprifuoco tra le 22 e 23. Rischiano la chiusura parrucchieri, estetisti, cinema e teatro

  • "Che ore sono?", poi scatta la violenza: in cinque aggrediscono ragazzo in centro. "Togli la mascherina quando parli con noi"

  • In serata il nuovo Dpcm Conte: stretta sulla movida e ipotesi coprifuoco. A rischio sport dilettantisti, cinema e teatro

  • Coronavirus, quattro 'zone rosse' e 5 amaranto in Capitanata. Focolai rsa e covid-positivi in più della metà dei comuni

  • Coronavirus: sfondata quota 350 contagiati in un giorno in Puglia. I nuovi positivi in Capitanata sono 89

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento