Droga, impianto per la marijuana, coltelli, sfollagente, mazza da baseball e katana: arrestato 18enne

Un ragazzo di 18 anni è stato arrestato a San Giovanni Rotondo per produzione e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. 

La droga, le armi e l'impianto

Giovedì scorso i carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di San Giovanni Rotondo hanno arrestato C.S.P., 18enne pregiudicato del luogo, resosi responsabile di produzione e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti

I militari, nel corso di un ampio servizio a largo raggio che ha visto impiegato anche personale delle stazioni di San Giovanni Rotondo, San Marco in Lamis, dello Squadrone Eliportato Cacciatori di Sardegna e del quinti Reggimento a Cavallo, hanno eseguito numerose perquisizioni personali e domiciliari nei confronti di alcuni personaggi di spicco della criminalità della città di San Pio.

Nel corso di una di queste - presso l’abitazione dell’arrestato - sono stati rinvenuti 45 grammi circa di hashish e una piantina di marijuana, oltre a tutto l’occorrente per la produzione ed il confezionamento in dosi dello stupefacente, consistente in un impianto domestico per la coltivazione della marijuana, costituito da una tenda di plastica, aerata attraverso un tubo di alluminio collegato alla canna fumaria della casa, un rilevatore di umidità e temperatura, una lampada alogena, un aspiratore a ventilazione e fertilizzanti, un bilancino di precisione, tre tritaerba, oltre alla somma contante di 160 euro. Nella stessa sono anche state trovate e sequestrate alcune armi bianche e strumenti da offesa, quali coltelli a serramanico, sfollagente, una katana ed una mazza da baseball. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le analisi eseguite da personale del Laboratorio Analisi Sostanze Stupefacenti del Comando Provinciale di Foggia, hanno poi permesso di accertare che dalla sostanza stupefacente sequestrata, stando alle tabelle ministeriali, sarebbe stato possibile ricavare ben 279 dosi. L’impianto di coltivazione e produzione è stato rimosso e sottoposto a sequestro, unitamente a tutto il resto del materiale rinvenuto, mentre l’arrestato, su disposizione dell’A.G., è stato sottoposto agli arresti domiciliari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus più sfuggente, in Puglia "il tracciamento salta" ma il sistema sanitario regge: non si escludono singoli lockdown

  • Covid, verso il nuovo Dpcm: coprifuoco tra le 22 e 23. Rischiano la chiusura parrucchieri, estetisti, cinema e teatro

  • "Che ore sono?", poi scatta la violenza: in cinque aggrediscono ragazzo in centro. "Togli la mascherina quando parli con noi"

  • In serata il nuovo Dpcm Conte: stretta sulla movida e ipotesi coprifuoco. A rischio sport dilettantisti, cinema e teatro

  • Coronavirus, quattro 'zone rosse' e 5 amaranto in Capitanata. Focolai rsa e covid-positivi in più della metà dei comuni

  • Coronavirus: sfondata quota 350 contagiati in un giorno in Puglia. I nuovi positivi in Capitanata sono 89

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento