menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il forcone

Il forcone

Violenza shock, aggredisce e ferisce connazionali con un forcone (per futili motivi): arrestato

E' successo in località Santa Tecchia a Manfredonia. I carabinieri hanno arrestato Ilie Costantin Gusato, le condizioni dei feriti non sono particolarmente gravi

I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Manfredonia hanno tratto in arresto il pregiudicato romeno di 32 anni Ilie Costantin Gusato, con le gravi accuse di lesioni personali dolose aggravate, minaccia grave e danneggiamento.

Nella notte di ieri la Centrale Operativa del Comando di Compagnia aveva inviato una pattuglia del Nucleo Operativo e Radiomobile impegnata nel servizio di perlustrazione del territorio di Manfredonia, in località Santa Tecchia, presso l’abitazione dell'uomo, soggetto già noto in quanto sottoposta alla misura cautelare degli arresti domiciliari per altra causa.

Giunti sul posto, i militari dell'Arma avevano trovato due ambulanze, il cui personale stava soccorrendo alcune persone insanguinate. I carabinieri avevano quindi iniziato immediatamente a sentire i vari feriti, tutti di nazionalità romena, i quali avevano riferito di essere stati dapprima minacciati per futili motivi dal Gusato che, in evidente stato di alterazione, li aveva poi aggrediti anche con armi improprie, quali cocci di bottiglie di vetro e un forcone. 

L'aggressore è stato prontamente immobilizzato dai Carabinieri, che hanno poi repertato un coccio di bottiglia e un attrezzo agricolo di ferro, tipo forcone a due punte, ancora sporchi di sangue. 

Condotto presso gli uffici del Comando di Compagnia e formalizzate tutte le dichiarazioni rese dalle parti offese, al termine delle attività è stato dichiarato in arresto per i reati commessi e, tenuto conto sia della gravità del fatto commesso che della pericolosità del soggetto, già ristretto a misura cautelare e non nuovo a reati contro la persona e il patrimonio, è stato tradotto presso il carcere di Foggia a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

I feriti, tutti ricorsi alle cure dei sanitari, hanno riportato diverse prognosi, per fortuna non particolarmente gravi, dovute a lesioni provocate da armi da taglio in varie parti del corpo.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'impianto di compostaggio di San Severo si farà: ha vinto Saitef, il Consiglio di Stato certifica il 'pasticcio' del Comune

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento