Le promette un lavoro, ma la obbliga a prostituirsi: arrestato sfruttatore

La ragazza romena era arrivata in Italia pensando di dover lavorare nei campi, ma un suo connazionale l'ha indotta a prostituirsi. Al suo rifiuto l'uomo l'ha picchiata con violenza

Blitz della polizia

Una ragazza romena era arrivata in Italia convinta di dover lavorare nel settore agricolo. Purtroppo per lei un suo connazionale l’ha indotta a prostituirsi minacciandola e picchiandola ripetutamente.

Stufa dei maltrattamenti e delle percosse subite la vittima ha denunciato lo sfruttatore alla polizia, il quale si era impossessato del passaporto e della carta d’identità della donna.

Il 41enne è accusato di induzione, favoreggiamento, sfruttamento della prostituzione, lesioni, percosse e rapina. Al suo arresto la donna ha ritirato la denuncia.

Quando la ragazza ha confessato al suo aguzzino la volontà di non prostituirsi più, il connazionale l’ha picchiata riportandole ferite guaribili in 15 giorni.

 

 

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Puglia torna in zona arancione. Conte firma il nuovo Dpcm: restrizioni fino al 5 marzo, riecco la scuola in presenza

  • Scuola, si cambia di nuovo: "Superiori in Ddi al 100% per una settimana, elementari e medie in presenza (con ddi a scelta)”

  • Puglia in zona gialla 'rinforzata' fino al 15 gennaio: cosa è concesso fare (e cosa no)

  • La Puglia verso la zona arancione

  • Orrore nelle campagne di Cagnano, lupo trovato impiccato a un albero

  • Addio a Padre Marciano Morra: per 20 anni fu amico e confratello di Padre Pio

Torna su
FoggiaToday è in caricamento