Cronaca

Evade dai domiciliari, i Carabinieri lo scoprono: torna in carcere Rocco Moretti

Figlio di Pasquale e nipote di Rocco, esponenti di spicco del clan "Moretti-Lanza" è stato sorpreso dai Carabinieri mentre si trovava fuori dalla propria abitazione nonostante fosse agli arresti domiciliari. Fu protagonista di una rapina da film presso il Bar Antonaccio

È finito in carcere Rocco Moretti, diciannovenne figlio di Pasquale e nipote di Rocco, entrambi esponenti di spicco del clan “Moretti-Lanza”. Il ragazzo è stato arrestato dai Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Foggia, che lo hanno sorpreso fuori dalla propria abitazione, nonostante fosse agli arresti domiciliari cui era stato sottoposto dopo un lungo periodo di detenzione in carcere.

Moretti era stato arrestato lo scorso febbraio per detenzione illecita di armi, ricettazione e rapina. Nel corso di una perquisizione all’interno del suo box, i militari recuperarono armi, refurtiva, nonché auto e tute utilizzate per la rapina perpetrata alcuni giorni prima presso il Bar Antonaccio di via Grecia a Foggia.

Rapina al Bar Antonaccio: arrestato il nipote dei Moretti

La rapina fu particolarmente efferata e vide Moretti, insieme ad altri due complici (più un terzo rimasto a bordo dell’auto pronta per la fuga) fare irruzione nel bar, armati di pistole e fucile a canne mozze, indossando tute da imbianchino e maschere di gomma. Le armi, l’abbigliamento e la refurtiva, oltre alla fiat Bravo utilizzata per il colpo, furono rinvenute all’interno del box di Moretti.

L’arresto rientra nell’ambito di una lunga serie di controlli serrati, messi in atto negli ultimi giorni dai Carabinieri di Foggia, nei confronti di persone sottoposte a provvedimenti cautelari.

moretti-3

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Evade dai domiciliari, i Carabinieri lo scoprono: torna in carcere Rocco Moretti

FoggiaToday è in caricamento