rotate-mobile
Venerdì, 28 Gennaio 2022
Cronaca Cerignola

Dorme dentro l'auto appena rubata, ma arriva la polizia: tutt'attorno un 'cimitero' di mezzi provento di furto

E' accaduto a Cerignola, dove la polizia ha arrestato un 31enne del posto per ricettazione. Nel terreno, gli agenti hanno disseppellito 43 scocche di auto rubate

Sorpreso dalla polizia mentre dormiva in un'auto rubata, tra le scocche di altri mezzi provento di furto. E' accaduto nella giornata di ieri, a Cerignola, dove gli agenti del Reparto Prevenzione Crimine di Lecce e del commissariato di Cerignola, nel corso di un servizio di controllo del territorio, hanno tratto in arresto su fermo di indiziato di delitto un uomo cerignolano, 31 anni con l'accusa di ricettazione.

Intorno alle 8:00 di mattina gli agenti, su disposizione della sala operativa, si recavano nel punto indicato dalle coordinate geografiche, dove doveva trovarsi un’auto Opel Astra appena rubata. Sul posto, nascosta dietro alcune lamiere, i poliziotti trovavano la vettura segnalata, con all’interno un uomo che stava dormento.

Accanto alla Opel vi era anche la scocca di un’auto Renaul Scenic completamente smontata, anch’essa provento di furto. ’occupante dell’auto veniva identificato e sottoposto a fermo, in quanto da ulteriori accertamenti, in un’area di pertinenza della sua proprietà, veniva individuato un escavatore da lui acquistato, utilizzato per sotterrare le carcasse di auto rubate.

Infatti gli agenti individuavano una zona che era stata adibita a cimitero di scocche di auto rubate e dopo averla delimitata e sottoposta a sequestro, con l’ausilio di un  escavatore, venivano estratte da sotto terra 43 scocche di auto rubate nel corso del mese di maggio.  Dopo le formalità di rito il fermato veniva condotto presso la locale Casa Circondariale a disposizione della locale Procura della Repubblica.

Auto Cerignola 2-2-2

Gallery

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dorme dentro l'auto appena rubata, ma arriva la polizia: tutt'attorno un 'cimitero' di mezzi provento di furto

FoggiaToday è in caricamento