Cronaca Apricena

Pretende un lavoro “leggero e senza stress” dal Sindaco e minaccia ritorsioni: arrestato

E' quanto scoperto dai carabinieri che, per il fatto, hanno arrestato Riccardo Di Nauta, classe '52, per i reati di tentata estorsione e minacce. La vittima è il sindaco di Apricena, l'uomo è ai domiciliari

Pretendeva di essere assunto al Comune di Apricena. E nel tentativo di raggiungere l'obiettivo ha iniziato a minacciare il sindaco della cittadina dell’Alto Tavoliere. E’ quanto scoperto dai carabinieri che, per il fatto, hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare degli arresti domiciliari emessa dal Tribunale di Foggia, nei confronti di Riccardo Di Nauta, classe ’52, ritenuto responsabile dei reati di tentata estorsione e minacce.

IL VICESINDACO: "COMBATTIAMO CHI TENTA DI CONDIZIONARE IL NOSTRO LAVORO"

Le indagini hanno permesso di riscontrare quanto dichiarato dal primo cittadino circa i reiterati comportamenti minacciosi dell’uomo che, nel corso degli ultimi mesi, aveva insistentemente preteso di essere assunto presso il Comune di Apricena. In particolare, Di Nauta avrebbe preteso un impiego, specificando anche che la sua mansione doveva essere “leggera e senza stress”. Tali pretesesi erano fatte più pressanti negli ultimi due mesi e, in alcune circostanze, lo stesso aveva anche manifestato gravi ritorsioni, minacciando esplicitamente il sindaco qualora le sue richieste non fossero state accolte.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pretende un lavoro “leggero e senza stress” dal Sindaco e minaccia ritorsioni: arrestato

FoggiaToday è in caricamento