Perizia antropometrica incastra malvivente: armato di coltello aveva rapinato due volte lo stesso supermercato

I carabinieri e la Procura di Foggia hanno fatto ricorso alla scienza, nominando un esperto che, con la sua perizia antropometrica, ha evidenziato importanti compatibilità tra soggetto ripreso dalle telecamere e il sospettato

Il rapinatore in azione

Rapinatore seriale incastrato dalle indagini dei carabinieri: 44enne arrestato grazie ad una perizia antropometrica. Questa mattina, infatti, i carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di San Giovanni Rotondo hanno tratto in arresto Giovanni Di Maria, cl. '74, residente nello stesso comune, nullafacente, già segnalato nella banca dati delle Forze di polizia, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal G.I.P. del Tribunale di Foggia.

Le immagini video delle due rapine

L’arrestato è ritenuto responsabile di due rapine, commesse entrambe ai danni del supermercato 'Risparmio Casa' di San Giovanni Rotondo, il 7 febbraio e il 12 aprile scorsi. Lo stesso, infatti, in entrambe le occasioni armato di un coltello, dopo essere entrato nel negozio e aver minacciato tutti i presenti, aveva arraffato il denaro contenuto in cassa, nella prima occasione 800 euro circa, e circa 200 nella seconda, per poi dileguarsi a piedi tra le vie cittadine. L’arresto, risultato di una complessa ed articolata indagine condotta dai militari della Compagnia di San Giovanni Rotondo, rappresenta la forte risposta dell’Arma dei Carabinieri all'allarme che i due episodi avevano innescato nell’importante centro garganico.

Nel corso dell’indagine gli investigatori hanno potuto utilizzare le immagini riprese dalle telecamere sia dell'esercizio commerciale che del Comune, che però, a causa della loro scarsa qualità e per il fatto che il rapinatore si era coperto il viso, non sono risultate immediatamente utili.

I carabinieri e la Procura della Repubblica di Foggia hanno quindi fatto ricorso alla scienza, nominando un esperto che, nella sua perizia antropometrica, ha potuto riscontrare importanti compatibilità tra il soggetto ripreso e il sospettato emerso grazie alle indagini più tradizionali.

Il ritrovamento a casa di questi degli abiti indossati nel corso del secondo episodio, poi, ha dato la conferma della bontà delle indagini. Le risultanze investigative, infine, sono confluire in una dettagliata informativa di reato che, fatta propria dalla Procura della Repubblica del Tribunale di Foggia, ha convinto anche il G.I.P., che ha quindi emesso il provvedimento cautelare più severo. Di Maria, al termine delle operazioni di rito, è stato condotto presso la Casa Circondariale di Foggia, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Travolge e uccide 35enne, scappa ma telecamere e frammenti lo incastrano: arrestato per omicidio stradale

  • Emiliano chiede la 'zona rossa' per la provincia di Foggia: "Qui massima gravità e livello di rischio alto"

  • "Mamma come l'ho combinato". Tutte le vittime della violenta 'Società Foggiana': "Qui le estorsioni devi pagarle a noi"

  • Coronavirus: la Puglia resta in zona arancione

  • Finisce in carcere l'uomo che ha investito e ucciso Vincenzo Maffeo. Aveva portato a riparare il mezzo da un carrozziere

  • Sua moglie è positiva, lui è in isolamento ma va ugualmente a lavorare: segnalato al 112 e multato dai carabinieri

Torna su
FoggiaToday è in caricamento