Avvocato sequestrato e rapinato in casa, arrestata la domestica: "Ha consegnato i codici d'accesso ai banditi"

Colpo da oltre 20mila euro. Gli agenti della squadra mobile hanno arrestato una collaboratrice domenica infedele perché ritenuta responsabile, in concorso con ignoti, di rapina a mano armata e sequestro di persona

Immagine di repertorio

Avrebbe fornito ai rapinatori i codici di accesso per entrare nella villetta del suo datore di lavoro, e mettere a segno un colpo da oltre 20mila euro.

Per il fatto, gli agenti della squadra mobile di Foggia hanno arrestato una collaboratrice domenica infedele - Simona Maria Simion, 36enne di origine rumena - ora agli arresti domiciliari perché ritenuta responsabile, in concorso con ignoti, di rapina a mano armata e sequestro di persona, nei confronti di un noto avvocato penalista del foro di Foggia.

La vicenda, avvenuta a Cerignola, risale al maggio dello scorso anno: rientrando in casa, l’avvocato si trovò faccia a faccia con i rapinatori, due individui travisati ed armati di pistola; dopo averlo minacciato e immobilizzato sul letto, puntandogli l’arma e legandogli mani e piedi con delle cravatte, i malviventi gli portarono via la somma di 20.000 euro custodita in una scatola di scarpe, nonchè altri preziosi, per poi fuggire insieme ad un altro complice. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le indagini si concentrarono sin da subito sulla donna, l’unica oltre all’avvocato a conoscere come disattivare il sistema di allarme (perfettamente efficiente al momento dell’irruzione dei malviventi) e a conoscere, unitamente alla vittima, il nascondiglio della somma di denaro sottratta. Inoltre, nell’ambito dell’attività investigativa espletata dalla Squadra Mobile a seguito dell’evento delittuoso,  si accertava come la donna conoscesse l’esatto modus operandi con cui gli autori avevano posto in essere il reato, riferendo, nell’ambito dell’attività tecnica avviata, dettagli conoscibili esclusivamente da uno dei complici. Infine, veniva accertato come il sistema di videosorveglianza fosse stato artatamente spento poche ore prima della consumazione dei delitti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus più sfuggente, in Puglia "il tracciamento salta" ma il sistema sanitario regge: non si escludono singoli lockdown

  • Covid, verso il nuovo Dpcm: coprifuoco tra le 22 e 23. Rischiano la chiusura parrucchieri, estetisti, cinema e teatro

  • "Che ore sono?", poi scatta la violenza: in cinque aggrediscono ragazzo in centro. "Togli la mascherina quando parli con noi"

  • In serata il nuovo Dpcm Conte: stretta sulla movida e ipotesi coprifuoco. A rischio sport dilettantisti, cinema e teatro

  • Coronavirus, quattro 'zone rosse' e 5 amaranto in Capitanata. Focolai rsa e covid-positivi in più della metà dei comuni

  • Coronavirus: sfondata quota 350 contagiati in un giorno in Puglia. I nuovi positivi in Capitanata sono 89

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento