Sequenza di incendi a San Domino, carabinieri fermano un uomo: è il piromane delle Tremiti?

Stando alle prime informazioni raccolte, l'uomo sarebbe stato fermato a seguito dell’ennesimo rogo domato da protezione civile e vigili del fuoco. Lo stesso, pare un isolano, sarà giudicato nelle prossime ore per direttissima

Immagine di repertorio

Individuato e fermato il presunto piromane di San Domino, l’isola delle Tremiti che, nelle ultime settimane, ha registrato numerosi focolai, tutti incendi dolosi, in varie parti dell’isola: Cala Matano, dove c'è la villa di Lucio Dalla, Cala dei Benedettini e la Grotta del Sale.

Stando alle prime informazioni raccolte, i carabinieri avrebbero fermato un uomo, individuato a seguito dell’ennesimo rogo (domato in breve tempo dagli uomini della protezione civile e vigili del fuoco). Lo stesso, pare un isolano, sarà giudicato nelle prossime ore per direttissima.

Al vaglio degli inquirenti anche eventuali responsabilità dell’uomo in merito ad altri atti incendiari, a partire dal rogo che due estati fa incenerì interi ettari di macchia mediterranea e pineta.

La sequenza di incendi, lo ricordiamo, aveva indotto il sindaco delle Tremiti, Antonio Fentini, a chiedere aiuto al Prefetto di Foggia; Raffaele Grassi, in sede di Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, aveva disposto la presenza di più uomini e mezzi sull’isola, oltre a rafforzare le misure di sicurezza e soccorso pubblico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sul lavoro in provincia di Foggia: agricoltore travolto e ucciso da un muletto

  • Tragedia sulla A14: uomo si toglie la vita lanciandosi da un ponte

  • Coronavirus: 30 morti e un contagiato su quattro in Puglia. I nuovi positivi sono 1100 su appena 4100 tamponi

  • Qualità della Vita, Foggia sprofonda all'ultimo posto: ItaliaOggi premia Pordenone

  • Attimi di terrore in un supermercato: irrompono malviventi, durante la rapina minacciano e tentano di colpire cassiera

  • Addio al dott. Michele Urbano, la Capitanata piange la scomparsa di un professionista "serio e laborioso"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento