menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Insulti e botte ai genitori 80enni: arrestato 45enne a Pietramontecorvino

Arrestato, in flagranza di reato, Luciano De Luca: i carabinieri hanno accertato le condotte violente nei confronti degli anziani genitori "colpevoli" di non dargli il denaro sufficiente a soddisfare le proprie esigenze

Insulti e botte ai genitori 80enni, arrestato 45enne. E' accaduto la notte scorsa, a Pietramontecorvino, dove i  carabinieri della Compagnia di Lucera hanno tratto in arresto, nella flagranza del reato di maltrattamenti in danno di familiari, Luciano De Luca, 45enne del posto, già gravato da svariati precedenti di polizia.

L'arresto è scattato a seguito del un tempestivo intervento congiunto dei militari delle Stazioni di Pietramontecorvino, Lucera e Castelnuovo della Daunia, operato a seguito della richiesta di aiuto fatta all’utenza di emergenza 112 dall’anziana madre dell’uomo. I militari hanno raccolto l’accorata richiesta di aiuto della donna, ormai sfinita dalle continue angherie che, insieme al marito, era costretta a subire dal figlio.

I carabinieri sono così intervenuti presso l’abitazione familiare cogliendo l’uomo nell’atto di aggredire fisicamente i genitori. Il 45enne, tuttavia, alla vista degli uomini dell'Arma non ha affatto placato le sue ire, scagliandosi contro di loro, insultandoli e minacciandoli. Gli operanti, già ben a conoscenza del carattere turbolento dell’uomo -  per via di precedenti per maltrattamenti in famiglia, guida in stato di ebbrezza, resistenza a pubblico ufficiale e porto abusivo di armi - sono riusciti a bloccarlo in condizioni di assoluta sicurezza e, una volta immobilizzato, lo hanno condotto in caserma.

Qui hanno così potuto ricostruire minuziosamente i tristi contorni della vicenda. E' infatti stato accertato come l’uomo, in più occasioni, da tempo usasse insultare pesantemente i genitori, "colpevoli" di non dargli il denaro sufficiente a soddisfare le proprie esigenze, passando però poi alle vie di fatto, distruggendo le suppellettili dell’abitazione dove vivevano ed utilizzandole spesso come corpi contundenti contro i due anziani. Proprio come stava accadendo nella tarda serata di ieri. Alla luce delle schiaccianti evidenze della flagranza del reato, ai polsi del 45enne sono inevitabilmente scattate le manette.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Dal 17 gennaio, la Puglia torna 'arancione': cosa è consentito fare e cosa no

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento