Cronaca Cerignola

In giro con una pistola, polizia arresta Mazzilli: "Voleva vendicare il fratello ucciso"

In manette per per detenzione e porto abusivo di arma clandestina Pasquale Mazzilli, fratello del 46enne Luigi, assassinato lo scorso 4 novembre, in una sala giochi del centro storico di Cerignola

Gli agenti del commissariato di Cerignola ne sono convinti: Pasquale Mazzilli si è armato per vendicare l’omicidio del fratello Luigi, brutalmente assassinato lo scorso 4 novembre, all’interno di una sala giochi nel centro storico di Cerignola; una vera e propria esecuzione, con tanto di ‘colpo di grazia’ alla nuca.

Nell’ambito delle indagini avviate subito dopo il grave fatto di sangue, gli agenti diretti dal vice questore aggiunto Loreta Colasuonno avevano avuto il sospetto che uno dei fratelli della vittima - Pasquale, appunto - si era armato di una pistola Browning cal.7.65. Pertanto è scattata la perquisizione personale, che ha poi confermato i sospetti: l’uomo è stato trovato con l’arma nella cintola del pantalone, con tanto di colpo in canna e altre 6 cartucce nel caricatore.

Ascoltato dagli inquirenti, l’uomo ha dichiarato di essersi armato per difesa personale temendo di essere una possibile vittima di omicidio. Una teoria che non convince affatto gli investigatori che, al contrario, temono che l’uomo volesse farsi giustizia da sé. Intanto, in merito all’omicidio di Luigi Mazzilli ogni pista resta aperta: si è trattato, sostengono gli agenti, di un ‘omicidio esemplare’ che, nel linguaggio criminale, significa colpirne uno per educarne cento. Resta però da individuare l’ambito criminale di riferimento ed il possibile movente, per poter risalire agli esecutori materiali e ai mandanti. Le indagini proseguono serrate. Pasquale Mazzilli, invece, è stato arrestato per detenzione e porto abusivo di arma clandestina e accompagnato al carcere di Foggia. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In giro con una pistola, polizia arresta Mazzilli: "Voleva vendicare il fratello ucciso"

FoggiaToday è in caricamento