Martedì, 19 Ottobre 2021
Cronaca Centro - Università / Via Matteotti Giacomo, 1

Solo e disarmato svaligiava banche con lo stesso modus operandi: arrestato

Tecnica consolidata ed grande agilità fisica: queste le caratteristiche di Paolo Casamassima, rapinatore seriale sulle cui tracce c'erano gli agenti della Sezione Antirapina della squadra mobile di Foggia

Solo e disarmato ha rapinato almeno cinque istituti bancari in Italia. Tre i colpi messi a segno tra Foggia e Manfredonia lo scorso anno, tutti andati a buon fine (per lui), per un bottino totale di 32mila euro. Tecnica consolidata ed grande agilità fisica: queste le caratteristiche del rapinatore seriale sulle cui tracce si erano posti, negli scorsi mesi, gli agenti della Sezione Antirapina della squadra mobile di Foggia che hanno eseguito un ordine di esecuzione di misura cautelare per il reato di rapina, nei confronti del pregiudicato Paolo Casamassima, 26enne foggiano ma residente ad Orta Nova.

A Foggia e provincia aveva preso di mira le filiali della Banca Popolare di Puglia e Basilicata. Come quella di via Matteotti, rapinata due volte l’8 febbraio del 2013, bottino da 12 mila euro ("Solo questi ci sono?), e poi il 21 maggio dello stesso anno (bottino da 16mila euro). Stesso istituto di credito, filiale di Manfredonia. Più contenuto il ricavato - appena 4mila euro - asportato il 10 maggio nella banca di via Aldo Moro, nel centro sipontino.

Proprio da questi tre episodi è partita l’attività d’indagine della squadra mobile di Foggia, dopo aver estrapolato dai filmati del sistema di videosorveglianza dell’istituto di credito l’immagine di un giovane individuo a volto scoperto nella bussola telescopica per l’accesso in banca. Subito dopo essersi guadagnato l’ingresso, il rapinatore calzava un passamontagna sul volto per poi saltare dall’altra parte degli sportelli e ripulire le casse a tempo.

 

Stesso modus operandi, si diceva, stessa tecnica riconosciuta ed evidenziata anche a Parma, dove lo stesso era stato già arrestato per un’altra rapina ai danni della locale Banca Cariparma. La misura cautelare è stata eseguita a Parma, dove lo stesso è già ristretto e raggiunto da altra ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa lo scorso 8 ottobre dal Gip del Tribunale di Perugia per un’altra rapina avvenuta il 19.02.2013 in danno della Banca Monte dei Paschi di Siena di Perugia.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Solo e disarmato svaligiava banche con lo stesso modus operandi: arrestato

FoggiaToday è in caricamento